Cambiamenti climatici: lo scioglimento dei ghiacci riporterà in vita vaiolo e altri virus?

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

I cambiamenti climatici comporteranno il ritorno del vaiolo e di altri virus? La malattia contagiosa di origine virale, che nel 30% dei casi risulta fatale, è stata ufficialmente dichiarata dall’Oms come sradicata nel 1980. L’ultimo caso conosciuto di vaiolo nel mondo è stato diagnosticato nel 1977 in Somalia. Ora, però, con lo scioglimento dei ghiacci, alcuni esperti lanciano l’allarme sul possibile sbrinamento di corpi infetti sepolti in Siberia.

Se ciò si verificasse, potrebbe potenzialmente iniziare un ciclo di infezione non appena qualcuno entrerà in contatto con i resti infetti. In uno scenario apocalittico, dai corpi congelati delle vittime di vaiolo in Siberia, minacciati di scongelamento per via dei cambiamenti climatici, il virus potrebbe tornare nell’ambiente e dare vita a una pandemia globale.

In realtà di questa eventualità si parla da oltre un decennio, come dimostra l’articolo del 2002 di Richard Stone, pubblicato su Science , in cui viene raccontata la vicenda di un gruppo di esperti russi che nel luglio 1991, nel villaggio di Pokhodsk, sopra il Circolo Polare Artico, sarebbe entrato in contatto con numerose vittime di vaiolo del 19 ° secolo mummificate nel permafrost. La scena narrata è così raccappriciante che eviteremo di riportarla.

È, invece, di appena una settimana fa la notizia della scoperta di un nuovo virus gigante, il Pithovirus sibericum, sopravvissuto per più di 30mila anni congelato nel terreno ghiacciato. Secondo i ricercatori francesi e russi del team di Jean-Michel Claverie del Centro Nazionale della Ricerca Scientifica (Cnrs) potrebbe non essere un caso isolato. Lo studio è pubblicato su Pnas.

L’ulteriore e progressivo scioglimento dei ghiacci artici dell’Artico potrebbe davvero far scongelare virus potenzialmente pericolosi per l’uomo o per gli animali, come il vaiolo? Bisogna mettere in conto imminenti contagi? Per ora si tratta solo di un dubbio. Così come è anche per il legame tra cambiamenti climatici e diffusione di malaria e parassiti.

Roberta Ragni

Leggi anche:

I cambiamenti climatici favoriscono l’espansione dei parassiti

Le pandemie influenzali dipendono dal clima e seguono “La Nina”

I cambiamenti climatici incidono sulla diffusione della malaria?

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

ABenergie

Smart working: come scegliere il tuo gestore di energia ora che lavori da casa

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook