Lavoratori del caffè: una sostanza liberata durante la tostatura ne mette a rischio la salute

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Forse non vi ricorderete, ma qualche anno fa vi avevamo parlato della pericolosità dei popcorn da microonde aromatizzati al burro a causa di una sostanza dannosa per la salute. Ebbene la stessa sostanza sembra essere rilasciata dai chicchi di caffè al momento della tostatura e della macinazione.

L’agente incriminato è il diacetile (“dyacetil” nella denominazione inglese) utilizzato per anni – e lo è ancora – come aromatizzante per conferire l'”aroma al burro” dei pop corn da microonde ma che si può sprigionare anche naturalmente in alcune fasi della lavorazione del caffè.

Leggi anche: frecciaPOP-CORN: QUELLI COTTI AL MICROONDE FANNO MALE ALLA SALUTE

Per i consumatori della bevanda più amata del mondo non ci sono rischi, perché si entra poco in contatto con questa sostanza, ma lo stesso non si può dire dei lavoratori che maneggiano e aspirano l’aroma dei chicchi in grandi quantità ogni giorno.

Il diacetile sarebbe la causa della comparsa di una malattia polmonare irreversibile, la bronchiolite obliterante, soprannominata “popcorn lung”. Secondo un documento opera degli investigatori NIOSH (The National Institute for Occupational Safety and Health) pubblicato sul Journal of Industrial Medicine, anche i dipendenti degli impianti di lavorazione del caffè sono a rischio se non si limitano le esalazioni di questa sostanza. Si è arrivati a questa conclusione dopo la segnalazione di 5 lavoratori che in un impianto di trasformazione del caffè in Texas si erano appunto ammalati di bronchiolite obliterante.

Come ovviare a questo problema che mette seriamente a rischio i dipendenti dell’industria del caffè? Rispondono gli esperti del NIOSH: innanzitutto i lavoratori dovrebbero indossare adeguate maschere per evitare le esalazioni dannose almeno fino a che non vengano fatti gli opportuni interventi sul posto di lavoro, volti ridurre i livelli di diacetile e altre sostanze pericolose. Deve essere poi attivato da tutte le aziende un programma di sorveglianza medica che comprenda questionari di salute, test di respirazione (ad esempio la spirometria) o altri screening per valutare eventuali sintomi respiratori o anomalie nei dipendenti.

L’istituto di sicurezza e salute americano ha proposto poi dei limiti da non superare in merito all’esposizione al diacetile e si è già attivato per fare in modo di mettere in sicurezza un certo numero di impianti di lavorazione del caffè attraverso quello che è stato denominato “Health Hazard Evaluation Program”, un programma volto specificatamente a valutare i rischi per la salute di questi e di altri luoghi di lavoro.

La messa a norma di tutte le industrie di caffè potrebbe portare in futuro ad un aumento dei prezzi? Può darsi, ma se è per fare in modo che la nostra tazzina fumante non pesi sulla salute di nessuno, è sicuramente nostro dovere non lamentarci troppo. Scegliamo poi sempre, ove possibile, prodotti del commercio equo e solidale che garantiscono non solo il giusto salario e trattamenti “umani” ai dipendenti ma evitano anche che le persone si ammalino a causa del proprio lavoro.

Francesca Biagioli

Leggi anche:

frecciaCONNCECTED BY COFFEE: IL DOCUMENTARIO CHE SVELA I LATI OSCURI DEL CAFFÈ
frecciaCOME L’INDUSTRIA DEL CAFFÈ STA MINACCIANDO L’AMBIENTE ORA PIÙ CHE MAI

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook