Caffè e pisolino insieme per rimanere attivi tutto il giorno

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Stanchezza e scarsa concentrazione? Bere un caffè e fare un pisolino di 20 minuti subito dopo può aiutarvi a ritrovare l’energia. Lo affermano alcuni studi condotti di recente che uniscono pisolino e caffè. Secondo i ricercatori, questa accoppiata vincente aiuta a migliorare prontezza e attenzione.

È vero, a prima vista sembra una contraddizione, poiché normalmente ci viene detto che la caffeina contenuta nel caffè contribuisce a mantenerci svegli. Ma la caffeina non ha effetto immediato e i 20 minuti del pisolino rappresentano il tempo necessario affinché questa sostanza entri in azione.

Come spiegano gli esperti, la caffeina del caffè viene assorbita dall’intestino tenue, passa attraverso il flusso sanguigno e così raggiunge il cervello mentre si trova a riposo ma non è ancora entrato negli stadi più profondi del sonno. Inoltre, il pisolino dopo il caffè cancellerebbe una molecola in grado di inibire l’efficacia della caffeina.

Gli scienziato hanno valutato se per rimanere attivi durante la giornata sia meglio bere una tazza di caffè o fare un pisolino e si sono diretti verso la conclusione secondo cui potrebbe essere utile approfittare degli effetti benefici di entrambi.

I ricercatori della Loughborough University hanno condotto uno studio in cui alcuni partecipanti, stanchi, hanno preso un caffè e subito dopo hanno fatto un pisolino di 15 minuti. Le loro reazioni sono state testate grazie a un simulatore di guida. Il gruppo del pisolino da caffè ha commesso meno errori rispetto a coloro che avevano solo assunto la bevanda o solo riposato.

Un altro studio, condotto in Giappone, ha esaminato gli effetti dei pisolini da caffè sui test di memoria. I partecipanti che hanno fatto un sonnellino dopo il caffè hanno ottenuto risultati migliori rispetto a coloro che hanno semplicemente assunto una tazzina della bevanda senza riposarsi subito dopo.

LEGGI anche: 10 consigli per superare i cali di energia pomeridiani

Ecco allora come fare un “pisolino da caffè”:

  1. Bere caffè o altre bevande contenenti caffeina.
  2. Bere rapidamente in modo che vi sia un lasso di tempo più lungo prima che la caffeina raggiunga il cervello.
  3. Bere in fretta del caffè caldo può essere difficile, meglio caffè tiepido o freddo.
  4. Dopo aver bevuto il caffè, provare subito a dormire. Anche se non siete in grado di addormentarvi, riposate o raggiungete uno stadio semi-sonno.
  5. Svegliarsi dopo 20 minuti. Dormendo di più si rischia di entrare in stadi profondi del sonno, che possono lasciare più stanchi.

In attesa di ulteriori conferme, chi beve abitualmente caffè potrebbe sperimentare l’efficacia dei nuovi consigli degli esperti. Sarebbe proprio un pretesto interessante per concedersi di schiacciare un pisolino rinvigorente “in nome della scienza” anche quando di solito si pensa di non avere il tempo per riposare un po’.

Marta Albè

Fonte foto: zdnet.com

Leggi anche:

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Life Coach, insegnante di Yoga e meditazione. Autrice del libro “La mia casa ecopulita” edito da Gribaudo - Feltrinelli editore.
ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

ABenergie

Smart working: come scegliere il tuo gestore di energia ora che lavori da casa

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook