Bere tre tazze di caffè al giorno può scatenare forti attacchi di emicrania

Caffè ed emicrania

Quante tazze di caffè bevete al giorno? Ebbene, secondo uno studio pubblicato sull’American Journal of Medicine ne basterebbero tre per far scattare l’emicrania.

I ricercatori hanno analizzato 98 partecipanti, di cui 86 donne e 12 uomini, con età media di 35 anni, soggetti a problemi di emicrania episodica, ovvero che si verifica almeno due volte al mese ma non più di 15, perché in quest’ultimo caso si tratta invece di emicrania cronica. Sono stati sottoposti a osservazione riportando nel complesso 825 emicranie, circa 8 emicranie ciascuno nel periodo di 6 settimane di analisi.

I partecipanti dovevano compilare un sondaggio due volte al giorno per sei settimane, registrando l’assunzione di caffeina e l’eventuale comparsa, in quel giorno, del mal di testa. Analizzando i dati, gli studiosi hanno dimostrato che bere quantità eccessive di bevande contenenti caffeina è un fattore scatenante per l’emicrania, pur tenendo conto di altri fattori coinvolti nello sviluppo del problema, come il consumo di alcol, la privazione del sonno o lo stress.

Difatti nelle persone con emicrania episodica, consumare almeno tre bevande al giorno contenenti caffeina si è dimostrato correlato a una maggiore probabilità di sperimentare un’emicrania in quel giorno o il giorno successivo. E questo nonostante il caffè sia spesso considerato un antidolorifico.

Tuttavia si è anche scoperto che bere 1 o 2 tazze al giorno non ha ripercussioni negative e non è quindi sconsigliato a chi ha problemi di mal di testa. Insomma, basta non esagerare!

Ti potrebbe interessare anche:

Laura De Rosa

 

 

Decathlon

La bici usata? Portala da Decathlon: torna Trocathlon dove puoi acquistare e vendere l’attrezzatura sportiva

San Benedetto

Cosa vuol dire compensare la CO₂: la linea Ecogreen di San Benedetto

Germinal Bio

#Bionest la nuova campagna Germinal Bio che mostra il dietro le quinte del biologico

Triumph

Come riciclare i reggiseni e gli abiti usati

tuvali
seguici su Facebook