Salute, l’inquinamento causa bronchite e malattie respiratorie anche in Himalaya

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Bronchiti anche sull’Himalaya. Da sempre simbolo di aria pura e paesaggi incontaminati, l‘Himalaya è tutt’altro che una regione esente da inquinamento atmosferico! A causa delle basse temperature, gli abitanti dei villaggi sono costretti a tenere sempre accesi i loro bracieri, alimentati da sterco secco di yak, che durante la combustione libera nell’aria una particolare fuliggine con particelle di un micron. Queste polveri così sottili – una volta assorbite dall’apparato respiratorio – provocano la Bpco, ovvero BroncoPneumopatia Cronica Ostruttiva. Proprio come avviene nelle grandi metropoli asfissiate dallo smog.

Un problema che – nonostante i diversi stili di vita e le cause che lo provocano – accomuna in modo evidente la regione dell’Himalaia alle grandi città italiane.

Da qui nasce la mostra fotograficaBreathing Himalaya – impariamo a respirare“, nato dalla collaborazione tra l’Associazione Comitato Ev-K2-CNR e Interactivecom, promossa dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, che si propone di raccontare agli studenti italiani le ricerche scientifiche sulle malattie respiratorie nei villaggi himalayani, attraverso una gallerie di immagini suggestive, per insegnare i rischi e la prevenzione delle malattie ai polmoni.

Il progetto, che ha il patrocinio della Provincia di Milano e dell’Università di Ferrara, si svolge attraverso una mostra-evento itinerante che coinvolgerà tanti giovani italiani della scuola media superiore. Protagonisti della mostra saranno i paesaggi delle montagne dell’Himalaya e dei villaggi della Valle del Khumbu (scavata dal ghiacciaio che scende dall’Everest), accompagnati dai dati e dalle fotografie che i ricercatori del Cnr hanno raccolto durante le loro ricerche scientifiche sulla Bronchite cronica (BPCO), diagnosticata anche fra la popolazione Sherpa.

Accade infatti – ha detto la pneumologa Annalisa Cogo dell’Università di Ferrara – che le stesse condizioni di inquinamento dell’aria delle nostre città preda del traffico automobilistico o causate in ambienti chiusi dal fumo di sigaretta, si riproducano nei villaggi himalayani. E non all’esterno come da noi, ma all’ interno delle case dove, a causa del freddo, i bracieri alimentati da sterco secco di yak ardono anche 24 ore su 24 producendo una fuliggine (black carbon) con particelle del livello di un micron che danneggiano i polmoni di quelle persone e causando anche a loro – pur essendo solo in minima parte fumatori – la Bpco.

Non c’è nessun legame fra l’Himalaya e l’Italia – ha continuato Cogo – ma raccontare ai nostri giovani una interessante ricerca scientifica con belle ed esotiche immagini, e’ una scusa per fare cultura sulle malattie respiratorie e insegnare anche a loro a voler bene all’ambiente e ai propri polmoni“.

La mostra verrà inaugurata a Milano, nella sede della Provincia, dove resterà aperta dall’1 al 9 aprile per poi spostarsi in altre città italiane.

Verdiana Amorosi

Per maggiori informazioni www.breathinghimalaya.org/

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook