MyExposome: il braccialetto che rileva l’ esposizione alle sostanze tossiche

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Un braccialetto che rileva la nostra esposizione alle sostanze tossiche. Quanto è inquinato l’ambiente in cui viviamo e con quali sostanze potenzialmente pericolose per la salute siamo a contatto ogni giorno?

I ricercatori della Oregon State University sono partiti da comuni braccialetti in silicone con l’idea di trasformarli in semplici dispositivi in grado di percepire la presenza di quasi 1400 composti chimici diversi.

Ora un imprenditore ha avviato una campagna su Kickstarter per rendere questi braccialetti disponibili a tutti. L’azienda MyExposome ha deciso di sfruttare la nuova tecnologia della Oregon State University per realizzare questi braccialetti su larga scala.

In questo modo più persone saranno in grado di indossare i braccialetti e di raccogliere dati utili per comprendere le conseguenze per la nostra salute dell’esposizione alle più disparate sostanze tossiche che inquinano l’ambiente in cui viviamo.

Questi braccialetti dopo uno speciale trattamento sono in grado di assorbire le sostanze chimiche presenti nell’ambiente, a partire dagli ingredienti dei profumi o di altri prodotti per la cura della persona, fino ai ritardanti di fiamma, ai pesticidi, alla caffeina, alla nicotina o agli ingredienti dei prodotti antipulci per gli animali domestici.

I braccialetti sono stati progettati per imitare il comportamento delle membrane biologiche, a partire dalle membrane cellulari, che sono in grado di assorbire i composti chimici volatili e semi-volatili. Tra le sostanze rilevabili non sono però presenti metalli come piombo e cromo.

I ricercatori dell’OSU hanno chiamato i braccialetti Personal Passive Samplers e li hanno utilizzati per uno studio condotto a New York City con l’obiettivo di misurare l’esposizione alle sostanze chimiche delle donne nell’ultimo trimestre della gravidanza.

Chi utilizzerà i braccialetti quando arriveranno sul mercato, avrà a disposizione delle risorse online per comprendere l’origine e la tipologia delle sostanze rilevate. Al momento i prezzi per richiedere un’analisi scientifica delle sostanze rilevate dal braccialetto dopo averlo indossato per una settimana sono elevati, ma l’azienda spera di poterli ridurre nel corso del tempo.

Entro la fine dell’anno alcuni braccialetti verranno inviati in Africa Occidentale per aiutare gli agricoltori a capire come ridurre la loro esposizione ai pesticidi e ad altre sostanze utilizzate nella coltivazione.

braccialetto sostanze tossiche 1

braccialetto sostanze tossiche 2

Infine, l’Environmental Defense Fund ha raccolto i dati relativi ai 28 partecipanti che all’interno del progetto A Week in Chemicals hanno indossato il braccialetto per una settimana per rilevare la propria esposizione alle sostanze tossiche. Qui tutti i dati emersi dallo studio. Pensate che questa novità potrebbe essere utile anche in Italia?

Marta Albè

Fonte foto: myexposome.com

Leggi anche:

Sostanze tossiche: in California un nuovo progetto per il monitoraggio dei prodotti cancerogeni
Inquinamento: mini organi artificiali per studiare gli effetti delle sostanze tossiche
175 sostanze potenzialmente tossiche impiegate nelle confezioni degli alimenti

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Life Coach, insegnante di Yoga e meditazione. Autrice del libro “La mia casa ecopulita” edito da Gribaudo - Feltrinelli editore.
Fairtrade

Le settimane Fairtrade del commercio equo e solidale: compra etico e scopri online l’impatto dei tuoi acquisti

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook