Eseguito a Bologna il primo trapianto al mondo di vertebre umane

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

È la prima volta in tutto il mondo che viene eseguito un trapianto di vertebre umane su un paziente con tumore osseo e il primato va all’Istituto Ortopedico Rizzoli di Bologna.

Le quattro vertebre utilizzate per sostituire la parte di colonna rimossa erano conservate nella Banca del Tessuto Muscolo-scheletrico dell’Emilia-Romagna.

L’intervento eseguito su un paziente di 77 anni con una grave forma di tumore osseo è stato guidato dal direttore della Chirurgia Vertebrale a indirizzo oncologico e degenerativo, Alessandro Gasbarrini, che insieme alla sua équipe, ha permesso di raggiungere un risultato storico, come ha sottolineato il presidente Stefano Bonaccini:

“Un risultato storico. Orgogliosi di avere in Emilia-Romagna strutture e professionisti capaci di realizzare interventi come questo, per un sistema sanitario pubblico che vogliamo sempre di più in grado di offrire servizi e cure di alta qualità”.

Dopo che il tessuto muscolo-scheletrico è stato prelevato dall’équipe del Rizzoli, si è eseguito il prelievo delle vertebre da donatore cadavere, le quali sono state trattate dai tecnici della Banca e testate per garantirne l’idoneità, quindi utilizzate nell’intervento.

La colonna vertebrale del paziente è così ritornata alla conformazione naturale grazie all’impianto di un osso identico a quello rimosso, come ha spiegato il dottor Gasbarrini:

“Abbiamo ricostruito la colonna vertebrale del paziente nel modo più simile alla conformazione naturale, ripristinando un’anatomia perfetta grazie all’impianto di un osso con struttura identica a quello che abbiamo dovuto togliere a causa del tumore. Per ogni paziente dobbiamo individuare la soluzione migliore, in considerazione del percorso di cura e delle esigenze individuali. Sostituire tessuto umano con tessuto umano è in linea generale quanto c’è di meglio per l’organismo, e questo vale anche per le ossa. Non sempre è la soluzione possibile, e quindi è necessario ricorrere ad impianti di materiali artificiali.”

Un’operazione di tale portata apre nuove prospettive nel campo della chirurgia ortopedica ricostruttiva in oncologia e stando all’assessore Venturi non è un caso che il primato vada all’Emilia Romagna, regione che investe moltissimo in “tecnologia, ricerca, innovazione, risorse umane”.

Ti potrebbe interessare anche:

Il primo trapianto in Italia di fegato e polmoni insieme in età pediatrica

Laura De Rosa

Photo Credit: Facebook

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze dei Beni Culturali, redattrice web dal 2008 e illustratrice dal 2018, ha pubblicato per Giochidimagia Editore "Il sogno attraverso il tempo". Con SpiceLapis ha realizzato "Memento Mori, guida illustrata ai cimiteri più bizzarri del mondo".
Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook