Benessere: oli essenziali ed erboristeria

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

L’erboristeria sfrutta le proprietà delle piante medicinali per mantenere uno stato di benessere dell’organismo.
Tisane, tinture madri e oli essenziali sono esempi di prodotti utilizzati in erboristeria per ripristinare o garantire la nostra salute psico-fisica.

Gli oli essenziali sono particolarmente interessanti poiché vantano numerose proprietà e diverse possibilità di impiego, rappresentano un rimedio utilissimo per svariati disturbi: possono essere utilizzati come attivi nelle formule cosmetiche, ma anche in aromaterapia per problemi legati all’apparato respiratorio, alla digestione, alla stanchezza fisica e mentale.

L’erboristeria al servizio del nostro benessere

erboristeria

L’erboristeria è la scienza che studia le proprietà e l’uso delle piante medicinali per il benessere: si tratta della disciplina medica più antica, sfruttata già dagli uomini primitivi che raccoglievano bacche, foglie, fiori, radici per trattare malattie e ferite.

Con la comparsa in commercio dei farmaci di sintesi ed il relativo “marketing” a partire dalla seconda metà del XX secolo, l’utilizzo di rimedi naturali ha subito un forte calo ma, ad oggi, l’erboristeria è di nuovo in crescita, grazie ai minori effetti collaterali che esercita sul corpo umano.

A differenza della farmacologia, infatti, l’erboristeria non si avvale del singolo principio attivo – naturale o di sintesi – ma sfrutta un insieme di composti presenti nella pianta, chiamato fitocomplesso.
Tali composti lavorano in sinergia tra loro garantendo da una parte il ripristino o il mantenimento dello stato di salute e di benessere e dall’altro una maggiore tollerabilità del rimedio da parte del nostro organismo.

L’erboristeria utilizza una grande varietà di rimedi naturali per la salute tra cui erbe essiccate per preparare tisane, tinture madri preparate dalla macerazione di piante fresche intere in alcool, e oli essenziali ottenuti per estrazione dalle piante.

Gli oli essenziali sono particolarmente interessanti per il loro effetto benefico sulla psiche e sul corpo e per le loro innumerevoli proprietà che possono essere sfruttate in diversi ambiti, dall’aromaterapia alla cosmesi.Gli oli essenziali possono essere utilizzati per inalazione nell’aerosol, nei suffumigi o per diffusione nell’ambiente, applicati sulla pelle o ingeriti.

Per quanto riguarda l’uso cutaneo, in genere le essenze non si utilizzano pure ma diluite in olio vegetale nella misura di una o due gocce per ogni cucchiaio di olio.
Per l’uso interno, trattandosi di prodotti molto concentrati, si raccomanda invece di consultare il proprio medico o l’erborista, per avere indicazioni su quantità e tempi di somministrazione.

Oli essenziali: cosa sono e come si utilizzano per il benessere

oli essenziali

Esiste una vastissima gamma di oli essenziali, è importante però saper distinguere quelli di qualità e puri al 100%, che potrai trovare solo nelle migliori erboristerie o nei migliori negozi eco-bio online, che siano sinonimo di garanzia e sicurezza, come BioVeganShop.it.

Gli oli essenziali sono essenze prodotte dalle piante a scopo difensivo, per comunicare o per attrarre insetti impollinatore.
Vengono estratti da fiori, frutti, foglie e cortecce con diversi metodi, tra cui l’estrazione in corrente di vapore,  la spremitura e l’estrazione con solvente.

Si tratta di prodotti molto concentrati utilizzati in erboristeria, fitoterapia e aromaterapia per le loro proprietà antibatteriche e antimicotiche, per l’azione rilassante o stimolante sul sistema nervoso e per il trattamento di svariati disturbi, dalle affezioni cutanee a quelle respiratorie, dai disturbi del ciclo mestruale alla cattiva digestione.

Ogni olio essenziale ha infatti una composizione caratteristica che gli conferisce proprietà specifiche utili per mantenere o ripristinare il benessere dell’organismo.

Alcuni oli essenziali non dovrebbero mai mancare nelle nostre case.  Tra questi troviamo sicuramente l’olio essenziale di lavanda, un essenza dall’azione rilassante sul sistema nervoso e utile per tutte le problematiche della pelle: può essere utilizzato in caso di acne, punture di insetti, orticaria, irritazioni cutanee e infiammazioni della pelle.

Anche l’olio essenziale di Tea tree o malaleuca dovrebbe essere sempre presente nel nostro armadietto dei rimedi naturali. Questa essenza ha una spiccata attività antimicotica e antibatterica ed è indicato per il trattamento di numerose infezioni cutanee e delle mucose tra cui la Candida albicans, il piede d’atleta, l’herpes labiale, l’acne, le dermatite seborroica e i pidocchi.

Le essenze balsamiche come quelle ottenute ad esempio dal pino, dall’eucalipto, dal rosmarino vanno sempre tenute con noi soprattutto durante i mesi invernali, per la loro azione espettorante e decongestionante che le rende indispensabili in caso di tosse, raffreddore e problematiche del sistema respiratorio.

In caso di disturbi legati alla digestione, ci si affida invece alle essenze di anice stellato, finocchio, cumino, zenzero e menta da utilizzare in caso di gonfiore addominale, coliche intestinali e nausea.
Se invece si hanno problemi di insonnia e si fa fatica ad addormentarsi e a riposare bene, si può ricorrere all’olio essenziale di melissa, oltre al già citato olio essenziale di lavanda.

Molti oli essenziali, tra cui l’olio essenziale di canfora e l’olio essenziale di cannella, sono poi utilizzati per massaggi in caso di dolori muscolari e articolari o dopo un’attività sportiva intensa.

Non dimentichiamo poi le essenze impiegate per i disturbi del ciclo mestruale: sindrome premestruale, dolori durante il ciclo e disturbi legati alla menopausa sono trattati efficacemente con oli essenziali di lavanda, rosa, gelsomino e salvia.

Gli oli essenziali ricavati per spremitura dalla buccia degli agrumi, come quelli di limone e arancio dolce, sono ampiamente utilizzate in cosmesi per il loro effetto anticellulite e in aromaterapia per la loro capacità stimolante, in grado di aumentare la concentrazione sul lavoro e durante lo studio.

Come abbiamo visto in questa rapida carrellata, queste preziose sostanze hanno numerosissimi impieghi e ognuno di noi può costruire il proprio kit personale di oli essenziali in base alle problematiche di salute che si trova più spesso ad affrontare.

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
TuVali.it

150+ corsi online su Salute e Benessere, a partire da 5€ (in collaborazione con GreenMe)

Deceuninck

L’importanza della luce naturale in casa e come ottenere giochi di luce con qualche accortezza

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook