@ maridav/123rf.com

Perché dovresti camminare di più all’aperto anche in autunno, secondo la scienza

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Questo studio condotto su larga scala rivela i veri benefici per la salute del trascorrere più tempo all’aria aperta, anche durante la stagione autunnale

Sappiamo già che camminare, soprattutto all’aria aperta fa bene: migliora il nostro stato di salute in generale, ci dona buonumore, migliora la qualità del sonno e abbassa il rischio di depressione. Ora un nuovo studio, condotto nel Regno Unito, ha osservato gli effetti dell’esposizione alla luce naturale sull’umore e sulla qualità del sonno in più di 400.000 cittadini britannici. I partecipanti allo studio hanno risposto a domande relative al loro umore, all’eventuale presenza di patologie e all’assunzione di farmaci e al tempo trascorso fuori di casa in una tipica giornata in estate ed in inverno. È emerso che, in media, i britannici trascorrono circa 2.5 ore esposti alla luce del sole – con la differenza fra i mattinieri (i cosiddetti early birds) che trascorrono più tempo all’aperto rispetto ai nottambuli (night owls).

Un buon sonno ristoratore e un ritmo circadiano (il nostro personale orologio biologico che regola l’alternarsi delle funzioni all’interno dell’organismo) equilibrato sono infatti dirette conseguenze della nostra esposizione alla luce naturale: più questa è maggiore e maggiori saranno i benefici che potremmo trarne. Al contrario, trascorrere poco tempo all’aria aperta e assorbire poca luce naturale renderanno il nostro umore più triste e provocheranno problemi di sonno.

Questo perché l’essere umano, per sua natura, ha bisogno di una netta distinzione fra il giorno (la luce) e la notte (il buio) e purtroppo tale divisione è spesso alterata dall’uso dell’illuminazione artificiale: l’organismo, quindi, è disorientato e non riesce a capire quando è il momento di riposarsi. Inoltre, l’esposizione alla luce inibisce la produzione della melatonina, che è l’ormone del sonno. Uno studio australiano condotto lo scorso anno ha evidenziato come in quasi metà della popolazione l’utilizzo di luce artificiale riduca la produzione di melatonina quasi del 50%, seppur con nette differenze fra individuo e individuo.

(Leggi anche: Inizia a camminare in salita: scoprirai benefici per la tua salute che non ti aspetti)

Largo quindi alle passeggiate all’aria aperta durante la giornata, per fare il pieno di luce naturale: ogni ora in cui ci esponiamo alla luce naturale migliorerà il nostro umore, abbasserà il rischio di depressione (e, conseguentemente, l’uso degli antidepressivi qualora questi siano stati prescritti dal medico). E inoltre, si creerà un ‘circolo virtuoso’: coloro che hanno percepito i benefici della camminata all’aria aperta saranno più propensi a uscire di casa nuovamente e a rendere questa passeggiata un’abitudine, diversamente da chi è una persona sedentaria.

Ovviamente esistono differenze nei benefici a seconda della stagione: certamente in estate, con la piena luce del sole, i benefici per la nostra salute saranno massimi, ma anche le passeggiate fatte nei mesi più freddi possono contribuire a migliorare il nostro ritmo circadiano e allontanare la depressione. Tutto sta nell’inserire almeno un’ora di camminata all’aria aperta al giorno nella propria routine – per qualcuno potrebbe essere un’ora prima di andare a lavoro, per qualche altro una passeggiata al parco con il proprio cane, o ancora una camminata fatta con il proprio partner o con un amico. L’importante è non abbandonare questa ottima abitudine ora che il freddo inizia a farsi sentire maggiormente.

Seguici su Telegram | Instagram Facebook | TikTok | Youtube

Fonte: Journal of Affective Disorders

Ti consigliamo anche:

 

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Ho 25 anni e sono laureata in Lingue Straniere. Sono da sempre attenta alle problematiche ambientali e rivolta a uno stile di vita ecosostenibile. Tento nel mio piccolo di ridurre al minimo l’impronta ambientale con scelte responsabili nel rispetto della natura che mi circonda.
Seguici su Instagram
Seguici su Facebook