Studio scopre che gli uomini con la barba portano più germi dei cani

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Lunga, corta, da hipster, ben curata o incolta. C’è chi la ama, chi la odia, ma adesso gli scienziati assicurano che contiene più germi del pelo del cane. Di che parliamo? Della barba, leggete questa curiosa ricerca che fa già tanto discutere.

Come si è arrivati a questa conclusione? Innanzitutto diciamo che lo scopo della ricerca non era quello di scoprire o meno se la barba fosse pulita, ma quello di determinare se gli umani potessero correre dei rischi di salute, utilizzando la stessa macchina dove prima era stata fatta la risonanza magnetica a un cane.

Lo scanner MRI può, infatti, essere utilizzato anche per esami veterinari. Tutto è partito, quindi, da qui. E il risultato ha sorpreso davvero tutti, perché secondo gli scienziati non c’è nulla da preoccuparsi nell’usare la stessa macchina, perché addirittura la barba degli uomini conterebbe più germi del pelo degli animali.

Molto spesso le cliniche veterinarie non acquistano i macchinari per la risonanza magnetica, ma si appoggiano a quelli utilizzati per gli esseri umani. Tuttavia, come riferisce il dottor Andreas Gutzeit della St. Anna Clinic di Lucerna, di solito si dà accesso agli amici a quattro zampe, quando l’apparecchiatura è sottoutilizzata. Il motivo principale sarebbe l’igiene.

La ricerca: Barba vs pelo del cane

Per questo gli scienziati hanno voluto capire se effettivamente le cose stanno così. Durante lo studio, sono stati inseriti 30 cani di 16 razze diverse all’interno dei macchinari dove solitamente vengono fatte oltre 8mila scanner umani l’anno.

Sono stati poi individuati 18 uomini con la barba: i volontari si sono sdraiati in dei macchinari di una clinica di Lucerna in cui non erano mai stati analizzati degli animali. Così il team prelevando un piccolo campione di barba e di pelo di cane, attraverso l’uso di tamponi per entrambi, si è fatta questa ricerca.

pelo cane

Gli uomini avevano in media 36 anni, i cani 3,8 anni (età simile). I risultati dei test dicono che la barba di questi volontari era meno igienica del pelo del cane e conteneva maggiori germi. Cosa significa questo, che la bocca umana è più contaminata rispetto a quella dei cani?

Tutti gli uomini avevano un alto carico di germi riscontrato solo in tre quarti di animali. Sette degli uomini (39%) avevano anche agenti patogeni (Enterococcus faecalis e Staphylococcus aureus), riscontrati solo in quattro cani.

barba peli1

Un’immagine simile è stata trovata nei tamponi bocca-bocca. Un numero elevato di germi c’era in 17 uomini su 18, ma solo in 12 cani su 30. Tuttavia, i germi potenzialmente pericolosi sono stati trovati solo in uomo (Serratia marcescens), ma almeno in due terzi dei cani (Pasteurella, E. coli, E. faecalis).

“Sulla base dei risultati, i cani possono essere considerati più puliti rispetto agli uomini con la barba”, scrivono i ricercatori nello studio.

La ricerca non poteva non suscitare polemiche e c’è chi ha messo in dubbio il rapporto, dicendo che è solo una questione di pogonofobia, ovvero paura della barba!

Voi che ne pensate?

Leggi anche:

Dominella Trunfio

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.
Fairtrade

Le settimane Fairtrade del commercio equo e solidale: compra etico e scopri online l’impatto dei tuoi acquisti

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook