Soldi sporchi: la mostra che svela ai tuoi occhi tutti i batteri presenti sulle banconote

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Le banconote girano di mano in mano e, inevitabilmente, si riempiono di batteri. Un studio evidenzia però, a sorpresa, che si tratta soprattutto di batteri genitali. Una mostra ci fa poi notare come cambiano i soldi a contatto con questi microrganismi.

Chi generalmente non si lava le mani dopo aver maneggiato soldi, forse prenderà questa sana abitudine dopo aver letto i risultati di un studio condotto da un team del Center for Genome and Systems Biology dell’Università di New York.

I ricercatori, analizzando le banconote da 1 dollaro in circolazione a New York tra febbraio e giugno 2013, hanno scoperto che queste possono contenere fino a 3000 differenti tipi di microbi e che la gran parte di loro proviene dagli organi genitali. La causa di tale carica batterica è ovviamente che i soldi passano frequentemente di mano in mano e che sono realizzati in cotone, materiale che promuove i batteri facendogli formare colonie in grado di riprodursi rapidamente.

Fino ad ora, però, non si sapeva bene la prevalenza dei batteri presenti, o meglio da quali parti del corpo umano provenissero nella maggioranza dei casi. La ricerca newyorkese ha dunque aggiunto un tassello importante: le banconote ospitano soprattutto batteri degli organi genitali ma anche di pelle e bocca.

Le persone si scambiano poi quotidianamente questi microrganismi (per fortuna generalmente innocui), baciandosi, stringendosi la mano, in metropolitana, aprendo le porte e, naturalmente, usando denaro.

Jane Cartlon, autrice principale dello studio e direttrice del centro di ricerca di New York, afferma che comprendere la distribuzione e le interazioni dei microbi, componenti importanti dell’ecosistema, è essenziale per comprendere il funzionamento del pianeta. Naturalmente ricorda anche l’importanza di lavarsi spesso le mani per evitare che questi microrganismi passino da un posto all’altro.

I batteri sulle banconote possono arrivare addirittura a consumarle o modificarle, come si può vedere su alcuni contanti presenti nell’originale mostra di Ken Rinaldo.

Foto © Ken Rinaldo

Foto © Ken Rinaldo

Questo artista americano di 62 anni propone una serie di banconote, consumate e modificate dall’azione batterica, in un’esposizione dal titolo “Batteri senza frontiere – i colonizzatori delle banconote” attualmente visitabile presso un laboratorio d’arte di Berlino ( fino al 1 marzo 2020). Una mostra che fa notare alla gente il mondo invisibile e sconosciuto che si trova sulle banconote.

I batteri possono vivere per giorni e persino settimane al di fuori del sistema biologico che li ospita, ad esempio la pelle e appunto i genitali.

Foto © Ken Rinaldo

Foto © Ken Rinaldo

Da oggi probabilmente guarderete i soldi che avete in mano in modo differente!

Fonti di riferimento: PlosOne/kenrinaldo

Leggi anche:

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook