Autismo: nell’ 83% dei casi è genetico. Il maxi studio effettuato sui gemelli

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

L’autismo? Dipende dai geni. Circa il 90% dei disturbi dello spettro autistico, infatti, dipenderebbe da fattori ereditari, mentre soltanto in piccola parte sono da attribuire a fattori esterni, come l’esposizione ad agenti inquinanti quando si è ancora nella pancia della mamma.

A dimostrarlo è uno studio svolto da Sven Sandin della Icahn School of Medicine at Mount Sinai di New York, pubblicato sulla rivista scientifica JAMA, che mette sul banco degli imputati i fattori ereditari come principali responsabili dell’autismo.

L’indagine ha preso in esame 37.570 coppie di gemelli, 2.642.064 coppie di fratelli non gemelli, 432.281 coppie di fratelli con stessa madre e padre diverso, 445.531 fratelli con stesso padre ma madre diversa e 14.516 diagnosi di autismo nell’intero campione.

Confrontando gemelli e non gemelli si può stimare il peso dei geni e il fattore ambientale sulla presenza o sull’assenza di determinate malattie, perché mentre i gemelli identici (omozigoti) hanno Dna identico, tanto che tutte le differenze tra loro dipendono da fattori ambientali non condivisi da entrambi, i fratelli posseggono lo stesso Dna per il 50% e i fratellastri, invece, per il 25%. Dallo studio è emerso che il rischio di due fratelli di essere entrambi autistici sale all’aumentare della loro somiglianza genetica: ciò sta a significare il fatto che l’ereditabilità dell’autismo è abbastanza elevata (83%), mentre i fattori ambientali esterni contano molto meno (17%).

Il rischio di due fratelli di essere entrambi autistici è quindi più basso tra mezzi fratelli (quelli che hanno solo un genitore in comune), maggiore tra fratelli e massimo tra gemelli.

È evidente, quindi, concludono i ricercatori, che il legame genetico sia fondamentale mentre conta poco l’influenza ambientale.

Sull’autismo puoi leggere anche:

Sull’autismo e sulle sue cause, insomma, c’è ancora tanto lavoro da fare. Quel che è certo è che gli studi sulle cause dell’autismo, e le più svariate tesi e ipotesi, non devono spostare l’attenzione dalle necessità concrete le necessità di chi soffre di autismo, delle famiglie e di chi se ne prende cura.

Germana Carillo

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, classe 1977, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing e correzione di bozze. Direttore di Wellme.it per tre anni, scrive per Greenme.it da dieci. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Repubblica di San Marino

Repubblica di San Marino: il turismo slow e green che non ti aspetti

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook