Assorbenti e tamponi con glifosato e ftalati, anche nei marchi bio. Il test francese

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Cosa c’è davvero dentro ad assorbenti e tamponi? Un nuovo test segnala la presenza di glifosato e ftalati anche nei marchi biologici

Vi siete mai chiesti cosa contengono davvero gli assorbenti e i tamponi che le donne utilizzano ogni mese? Diverse indagini hanno cercato di fare luce sulla questione, dato che non vi è trasparenza riguardo agli ingredienti con cui sono realizzati. Ora un nuovo test ha voluto analizzare 15 prodotti e ciò che ha trovato non è molto confortante.

Purtroppo non esiste una regolamentazione che obbliga i marchi di assorbenti e tamponi a esporre la composizione dei prodotti, a meno che non abbiano all’interno una delle 26 sostanze allergizzanti elencate nel regolamento europeo sui cosmetici. E questo è senza dubbio il primo problema…

Ingredienti più o meno chiari (o addirittura non presenti) in etichetta

Nonostante la normativa non lo imponga, alcune marche hanno deciso comunque di mostrare la lista ingredienti sulle confezioni o, in alternativa, sul loro sito web.

Metà dei campioni presi per il test di cui parliamo oggi, e nello specifico quelli a marchio Saforelle, Love & Green, Tampax, Nett, Organyc, JHO e Natracare, hanno reso noti i componenti con cui sono realizzati i loro prodotti. In generale, quelli a base di cotone organico, tendono ad essere più trasparenti sui componenti di ciascuna parte dell’assorbente (superficie, cuore, ecc.) rispetto a quelli di altre marche che si accontentano di mettere una meno dettagliata lista degli ingredienti, in alcuni casi visibile esclusivamente sul loro sito web.

Per scoprire i veri ingredienti delle altre marche analizzate, quelle che non riportano indicazioni di nessun tipo, l’associazione dei consumatori francesi 60 Million Consumers ha contattato direttamente il servizio clienti dei vari marchi che hanno promesso di mettersi in contatto a breve con i vari produttori per poi fargli sapere. Da parte di Carrefour, Doulys-E. Leclerc, Labell-Intermarché e Siempre-Lid non si è avuta però più alcuna notizia in merito. Ovvero le aziende hanno bypassato la richiesta.

I produttori di Always, Nana, Nett e Vania hanno fatto sapere invece che stanno gradualmente aggiungendo la lista dei componenti al loro packaging, ma a volte vengono utilizzati termini generici come “polimeri” o “sintetici”.

Purtroppo, sottolinea 60 Million Consumers, in assenza di vincoli reali, le marche hanno poche possibilità di impegnarsi veramente fornendo tutte le informazioni necessarie.

assorbenti test cover

Il test

Il dubbio riguardo a cosa contengano davvero questi prodotti che entrano in contatto con parti molto delicate della donna rimane, soprattutto relativamente al problema di eventuali contaminanti come glifosato e ftalati.

L’associazione francese per la difesa dei diritti dei consumatori 60 Million Consumers, tramite i suoi laboratori, ha voluto testare 15 prodotti tra assorbenti e tamponi per verificare la presenza delle seguenti sostanze tossiche:

  • Glifosato e il suo derivato AMPA
  • Ftalati
  • Diossine
  • idrocarburi policiclici aromatici (IPA)
  • AOX
  • EOX
  • formaldeide

Risultati

Nonostante altre indagini e test effettuati negli scorsi anni dalla stessa 60 Million Consumers avevano individuato e segnalato contaminazioni da parte di sostanze tossiche, purtroppo queste, anche a distanza di tempo, persistono.

Per quanto riguarda la presenza di glifosato, i Nana sono risultati gli assorbenti più contaminati, mentre nel caso dei tamponi, i Natracare (proprio quelli biologici) ne contenevano di più ma è stato trovato anche in Tampax e JHO.

Un altro risultato non proprio piacevole riguarda la presenza di ftalati che non erano stati rilevati prima. Si tratta del DnBP per quanto riguarda il marchio Saforelle, ma soprattutto del DEHP, nel caso dei marchi Vania, Always, Siempre e Saforelle.

A loro difesa, i produttori sostengono che pesticidi e altri residui non vengono aggiunti intenzionalmente (e ci mancherebbe altro!).

Guardate voi stessi la sintesi dei risultati ottenuti in queste tabelle…

assorbenti test
tamponi test

L’Agenzia per la sicurezza sanitaria già da tempo esclude comunque qualsiasi rischio grave, senza pronunciarsi però sul problema della presenza di possibili interferenti endocrini. I reali rischi della presenza di glifosato in questi prodotti è controversa e dibattuta. Va notato che l’Agenzia non classifica il glifosato come un sospetto perturbatore endocrino, a differenza di alcune organizzazioni non governative. Sembra manchino sufficienti dati scientifici per mettere fine a questo dibattito.

Il problema, secondo la rivista dei consumatori, è che le soglie sanitarie, quando esistono, non sono state stabilite per l’esposizione attraverso la vulva o la mucosa vaginale.

L’Agenzia comunque vuole essere rassicurante e resta cauta nelle sue conclusioni. Pertanto, esclude tutti i principali rischi, ma “raccomanda di eliminare o ridurre al massimo la presenza di queste sostanze nella protezione intima, comprese le sostanze con effetti CMR [cancerogeni, mutageni, tossici per la riproduzione]“.

Dai risultati del test sembra però che i produttori non si stiano impegnando in questo senso…

Cosa possiamo fare?

E’ molto semplice smettere di comprare assorbenti esterni o interni passando subito alla coppetta mestruale, un’alternativa comoda, ecologica e sicura. Un’altra possibilità è quella di utilizzare assorbenti lavabili.

Leggi anche:

Francesca Biagioli

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook