L’aspirina previene i danni causati dall’inquinamento atmosferico sui polmoni. Lo studio

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Un nuovo studio è il primo a segnalare la possibilità che i farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS) come l’aspirina possano ridurre gli effetti negativi dell’esposizione all’inquinamento atmosferico sulla funzione polmonare.

A sostenere questo è un team di ricercatori della Columbia Mailman School of Public Health in collaborazione con la Harvard Chan School of Public Health e la Boston University School of Medicine che hanno visto pubblicati i risultati del loro studio sull’American Journal of Respiratory and Critical Care Medicine.

Per arrivare ad affermare che l’aspirina possa aiutare a ridurre i danni dell’inquinamento ambientale sui polmoni, i ricercatori hanno analizzato i dati relativi ad un campione di 2.280 uomini anziani (età media 73 anni) sottoposti a un test per determinare la loro funzione polmonare.

Gli esperti hanno esaminato la relazione tra i risultati del test, l’uso di FANS riferito dai partecipanti e il livello di particolato ambientale (PM) e carbonio nero nel mese precedente a quando era stato effettuato il test. Hanno poi tenuto conto di una varietà di fattori, tra cui lo stato di salute del soggetto e se era o meno un fumatore.

Hanno scoperto così che l’uso di qualsiasi FANS era associato ad un dimezzamento dell’effetto nocivo del PM sulla funzione polmonare.

Poiché la maggior parte delle persone, tra i vari FANS,  assumeva aspirina, i ricercatori hanno concluso che l’effetto osservato era principalmente dovuto a questo medicinale ma aggiungono che gli effetti dei FANS non aspirinici sono degni di ulteriori approfondimenti.

Ma come si spiega questo strano effetto benefico dell’aspirina? Il meccanismo è sconosciuto ma i ricercatori ipotizzano che i FANS riescano ad agire in qualche modo sull’infiammazione causata dall’inquinamento atmosferico.

 “I nostri risultati suggeriscono che l’aspirina e altri FANS possono proteggere i polmoni da picchi a breve termine dell’inquinamento atmosferico. Naturalmente è ancora importante ridurre al minimo la nostra esposizione all’inquinamento, che è collegato a una serie di effetti negativi sulla salute, dal cancro alle malattie cardiovascolari” ha dichiarato l’autore principale dello studio, Xu Gao, PhD.

Ovviamente lo studio non  conclude consigliando l’uso di aspirina per contrastare le infiammazioni polmonari dovute allo smog ma è comunque importante per conoscere alcuni aspetti nuovi di uno dei farmaci più noti e utilizzati.

Leggi anche:

Francesca Biagioli      

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook