Asma e bambini: la colpa è dello smog

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Si è svolta ieri la giornata la Giornata mondiale dedicata all’asma (#WorldAsthmaDay), una patologia che, secondo i dati dell’Oms, colpisce circa 235 milioni di individui. Ed è allarme bambini, che sono i più soggetti anche alle emissioni inquinanti in ambito metropolitano.

I mesi primaverili sono i più complicati per chi soffre di asma, a causa del rischio in più legato al fenomeno della “poli-sensibilizzazione” a più allergeni (acari e pollini, o più pollini, ad esempio). Un pericolo che si amplifica nella forma Asmatica Allergico Grave (AAG), che riguarda sia bambini che adulti e di cui soffrono almeno 50mila italiani.

LEGGI anche: ALLERGIE PRIMAVERILI: INIZIARE SUBITO LA PREVENZIONE

Bambini. Nel mirino finiscono, manco a dirlo, le emissioni inquinanti da traffico veicolare e i cambiamenti climatici e la fascia pediatrica è quella più colpita. È così che in Italia “circa il 30% dei bambini è affetto da allergiaspiega Stefano Macciò, primario di neonatologia all’ospedale Villa Scassi di Genova. Il 10% sotto i 14 anni presenta asma soprattutto nelle fasce d’età 6-7 anni e 13-14 anni; il 20% è affetto da rinite allergica, trend in aumento a 6-7 anni e 13-14 anni, e il 15% presenta dermatite atopica. La prevalenza nella fascia pediatrica è in aumento soprattutto in ambito metropolitano”.

LEGGI anche: SMOG: 7 CONSEGUENZE DELL’INQUINAMENTO SULLA SALUTE DEI BAMBINI

Nei bambini i sintomi sono determinati prevalentemente da allergeni alimentari e da dermatite atopica nei primi 2 anni di vita; da inalanti come acari, epiteli di animali e muffe tra i 2 e i 4 anni, e da pollini nelle età successive.

asma day

La settimana dell’asma

Cosa si fa, allora, per affrontare questa patologia? Poco o niente. Proprio così: secondo una ricerca, solo il 32% dei pazienti rispetta la terapia farmacologica, il 56% usa farmaci soltanto quando ha un attacco e il 12 non segue alcuna terapia.

Potrebbe interessarti anche:

Per far fronte a questi dati e sensibilizzare rispetto ai rischi di una malattia che può avere un’influenza negativa sulla qualità di vita, è stata presentata la prima edizione di “Control’Asma week” : dal 5 al 9 giugno, infatti, presso alcuni centri specialistici italiani, si terranno consulenze gratuite per persone affette da asma. L’evento è promosso da “Federasma e allergie Onlus – Federazione italiana pazienti” con il patrocinio della “Società italiana di allergologia, asma e immunologia clinica” e della “Società italiana di pneumologia”.

Germana Carillo

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per Greenme.it dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
TryThis

L’app che ti fa divertire sfidando i tuoi amici anche durante il lockdown

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

Schär

Celiachia o sensibilità al glutine? Come ottenere una corretta diagnosi

Cristalfarma

Come gestire nel proprio piccolo disturbi d’ansia e stress di uno dei momenti storici più difficili

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

NaturaleBio

Cacao biologico naturale, in granella o in polvere: benefici e ricette per portarlo in tavola con gusto

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook