Asintomatici, l’OMS si affretta a ritrattare: il contagio è possibile e “servono altri studi”

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Solo ieri vi avevamo riportato la dichiarazione dell’esperta dell’OMS che in conferenza stampa aveva spiegato come la diffusione del coronavirus da parte degli asintomatici sarebbe “molto rara”. Ora, visto il clamore e la confusione suscitati dalla notizia, la stessa funzionaria dell’Organizzazione Mondiale della Sanità ci ha tenuto a precisare che è possibile diffondere Covid-19 anche in assenza di sintomi.

Il mito degli asintomatici sembrava essere del tutto tramontato, dopo le parole pronunciate in conferenza stampa da Maria Van Kerkhove. La funzionaria dell’OMS, rispondendo ad una domanda sul tema, aveva dichiarato che, dall’analisi di una serie di dati (provenienti dai paesi che più avevano lavorato sul tracciamento dei contatti per limitare i contagi) emergeva che, solo in rari casi, gli asintomatici effettivamente contribuiscono a diffondere il virus.

In quell’occasione, però, aveva anche chiarito che è molto difficile stabilire con certezza se una persona sia completamente asintomatica. La casistica è ovviamente complessa. Infatti, chi ha contratto il coronavirus, potrebbe non percepire cambiamenti nel proprio stato di salute ma magari avere comunque qualche lieve sintomo.

Dopo tali dichiarazioni, comunque, si è generata parecchia confusione e gli scienziati di tutto il mondo hanno spinto affinché si facesse subito chiarezza sulla questione.

È dovuta intervenire la stessa Van Kerkhove che ieri ha affermato che la sua valutazione secondo cui la diffusione asintomatica sarebbe “molto rara” si basava su alcuni studi che potrebbero non essere stati sottoposti a revisione tra pari. Quanto inizialmente dichiarato, dunque, non riflette un cambiamento nelle linee guida dell’OMS.

Come ha dichiarato Van Kerkhove:

“Stavo rispondendo a una domanda e non esprimendo una posizione dell’Oms. Ho usato la parola ‘molto rara’ e c’è stato un fraintendimento perché è sembrato che dicessi che la trasmissione asintomatica è globalmente molto rara. Mentre mi riferivo a un set di dati limitati”


Van Kerkhove ha affermato che esiste una vasta gamma di modelli matematici di diffusione asintomatica. L’OMS stima che circa il 16% delle persone con coronavirus non sviluppi mai sintomi, ma potrebbe effettivamente essere in grado di diffondere il virus. E ha poi aggiunto:

“Bisogna differenziare ciò che noi sappiamo, ciò che non sappiamo e ciò che stiamo cercando di capire. Ciò che sappiamo sulla trasmissione di Covid-19 è che gli infetti sviluppano sintomi, ma in una parte di loro questo non avviene. Sappiamo che la maggioranza delle infezioni avviene da qualcuno che ha sintomi ad altre persone attraverso le goccioline di saliva infette. Ma c’è una proporzione di persone che non sviluppa sintomi e non sappiamo ancora quante siano, potrebbero essere dal 6% al 41% della popolazione che si infetta, a seconda delle stime. Sappiamo che alcuni asintomatici possono trasmettere il virus e ciò che dobbiamo chiarire è quanti sono gli asintomatici e quanti di questi trasmettono l’infezione. Ciò che ho detto ieri in conferenza stampa si riferiva a piccoli studi pubblicati”.

Anche i CDC americani sono intervenuti ieri sulla questione, spiegando che ci sono due gruppi di persone con il virus che potrebbero essere contagiosi anche se non mostrano sintomi, come febbre, tosse o mancanza di respiro. Alcuni sono asintomatici e non sviluppano mai sintomi, altri invece sono presintomatici, ossia che stanno per sviluppare i sintomi. È spesso impossibile per una persona sapere in quale gruppo realmente si trova. Esistono poi anche i paucisintomatici (ossia chi sviluppa solo pochi sintomi).

Il tema rimane comunque ancora dibattuto, probabilmente la verità sugli asintomatici la sapremo solo nel tempo e dopo ulteriori studi.

Fonti di riferimento: WHO/ CDC 

Leggi anche:

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

TryThis

L’app che ti fa divertire sfidando i tuoi amici anche durante il lockdown

ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook