Arrivano le mascherine di canapa: riutilizzabili, lavabili e senza l’uso di sostanze chimiche

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Le mascherine sono indubbiamente utili a limitare i contagi da coronavirus ma, quelle usa e getta, sono molto inquinanti e stanno creando non pochi problemi a livello ambientale. Un’azienda italiana specializzata in tessuti naturali ha pensato allora di realizzare mascherine riutilizzabili in canapa.

Le mascherine, che sembra dovremo utilizzare a livello planetario ancora per molto, in versione usa e getta devono essere smaltite correttamente, altrimenti  rischiano di aumentare il già pesante livello di inquinamento sostituendosi (o peggio unendosi) a quello derivato dalla plastica.

A questo proposito, vi avevamo segnalato i modi corretti per smaltire mascherine usa e getta ma anche guanti.

Esiste però un’altra possibilità, quella di dotarsi di mascherine in tessuto che si possono lavare e riutilizzare in modo da non pesare sull’ambiente. Tanti le propongono in cotone (si possono anche realizzare fai da te), ma c’è chi ha avuto l’idea di produrle utilizzando la canapa.

Si tratta di un’azienda italiana, la Maeko, specializzata in filati e tessuti naturali (non solo canapa ma anche soia, ortica e bamboo). Le mascherine da loro realizzate in fibra di canapa hanno un effetto naturalmente battericida (contro i batteri, non contro i virus) e sono state anche inviate in dono al policlinico di Cagliari.


Come specifica l’azienda, le mascherine che produce sono artigianali e made in Italy, realizzate esclusivamente con tessuti in fibre naturali e senza l’uso di alcuna sostanza chimica impermeabilizzante. Si possono utilizzare fino a che non si rompono e hanno la stessa valenza di quelle fatte in casa o chirurgiche in tessuto. Sono prodotte ai sensi dell’art. 16, comma 2, del D.L. 18/2020 “Cura Italia” del 17/03/2020.

Le possono usare tutte le persone a contatto con il pubblico, gli addetti alla vendita di alimentari e, in ogni caso, tutti i cittadini. Ma, ovviamente, non sono un presidio medico sanitario ma solo una protezione realizzata su più strati, che sfrutta in più anche le qualità antibatteriche delle fibre naturali.

Ve ne sono di varie tipologie, come è possibile vedere dal sito dell’azienda e dalla pagina Facebook.

Un modello è realizzato 100% Canapa con un interno 100% Nylon, un altro è 100% canapa e poi ve ne sono altre ancora in bamboo.

Le mascherine in canapa, realizzate da sarte nel numero di 200 al giorno, vanno letteralmente a ruba e spesso non sono disponibili sul sito dell’azienda che cerca comunque di rifornirle il più velocemente possibile.

Aggiornamento

Diversi lettori ci hanno scritto per segnalare una qualità e un servizio clienti non all’altezza. Noi non abbiamo testato il prodotto, ma ne abbiamo parlato per sostenere un’iniziativa che ci era sembrava virtuosa di un’azienda italiana. Se le avete acquistate mandateci anche voi i vostri feedback.

Fonte di riferimento: Maeko tessuti/ Facebook

Leggi anche:

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook