I chewing gum non puliscono i denti. Multa per la pubbicità ingannevole di Daygum e Vivident

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Pubblicità ingannevole per le gomme da masticare della Perfetti I chewing gum non hanno la funzione e le caratteristiche necessarie per pulire il cavo orale e dentale. E così, la Perfetti, a cui fanno capo prodotti come Vivident, Happydent, Mentos e Daygum, dovrà pagare una multa da 180 mila euro. Lo ha stabilito l’Antitrust.

L’Autorità garante della concorrenza e del mercato ha pubblicato ha pubblicato la propria delibera all’interno dell’ultimo bollettino. La multa sarà ripartita in 150 mila euro per la Perfetto Van Melle Italia e in 30 mila uro che dovranno essere pagati dalla Perfetti Van Melle Spa. Sotto accusa si trovano i messaggi pubblicitari ingannevoli.

L’intervento riguarda le campagne 2011-2012 relative ad alcuni chewing gum pubblicizzati con i nomi di Happydent White Complete, Vivident Xylit, Daygum Protex, Mentos Pure White e Daygum XP. I messaggi pubblicitari, secondo l’Antitrust, risultavano incentrati sui benefici salutistici derivanti dal consumo dei prodotti, che avrebbe dovuto giovare all’igiene orale e dentale, in accostamento allo spazzolino e agli strumenti medici.

Ai prodotti sono state inoltre attribuite in modo ingannevole la capacità di rinforzare e proteggere i denti, oltre a proprietà antiplacca, anticarie e antitartaro. Si tratta di un insieme di messaggi considerati fuorvianti per i consumatori, in quanto ai prodotti considerati non possono, per legge, essere correlate le caratteristiche che sono invece state reclamizzate tramite gli spot pubblicitari.

L’intervento dell’Antitrust è avvenuto in difesa dei consumatori, in quanto simili messaggi pubblicitari possono pregiudicare una scelta d’acquisto consapevole ed avveduta. Secondo l’Antitrust l’ingannevolezza “trova conferma e supporto nell’utilizzo di specifici claim salutistici, reiterati sui vari supporti, che accreditano a queste referenze – in base alla loro natura di chewing gum senza zucchero o per via del contenuto di xilitolo e calcio da esse recato – benefici per la salute di denti e del cavo orale superiori a quelli ascrivibili ai prodotti, quali, specificamente gli effetti anticarie, antiplacca e antitartaro. Tali indicazioni salutistiche – sia generiche che specifiche – non risultano tuttavia essere state autorizzate ai sensi del Regolamento CE n. 1924/06.

Una multa può bastare per tutelare i consumatori? Dopo anni di messaggi ingannevoli molti cittadini potrebbero essere portati a considerare i chewing gum come prodotti realmente salutari e vantaggiosi per l’igiene orale.

Sarebbe necessario, accanto al provvedimento che tocca – relativamente – l’azienda dal punto di vista economico, un obbligo alla comunicazione di messaggi corretti e veritieri in merito ai prodotti pubblicizzati.

Marta Albè

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Life Coach, insegnante di Yoga e meditazione. Autrice del libro “La mia casa ecopulita” edito da Gribaudo - Feltrinelli editore.
Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook