Ansia e stress? Forse colpa della nomofobia, dipendenza da smartphone

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Avete mai sentito parlare della nomofobia? Con questo termine è stata individuata una nuova forma di dipendenza: quella da smartphone! Ansia, stress e addirittura attacchi di panico potrebbero derivare da un uso esagerato di questi dispositivi elettronici da cui alcune persone non riescono proprio a separarsi.

Questa “patologia” tipica dei nostri tempi comparirebbe proprio nel momento in cui per qualche motivo rimaniamo senza smartphone, non c’è campo oppure la batteria è completamente scarica e quindi è impossibile ricevere notifiche e controllare se sono arrivati nuovi sms o messaggi in chat. Ecco allora che in alcuni casi si può scatenare la “no mobile phone phobia”, termine inglese con cui è classificata la moderna patologia.

Già dal 2008 gli esperti parlano di questo fenomeno particolarmente diffuso tra i giovani tra i 18 e i 24 anni. Grazie a degli studi iniziati in quell’anno e condotti dal Pew Research Center si è potuto notare come il 53% dei giovani presi a campione evidenziava la dipendenza da smartphone, percentuale che saliva al 66% nel 2012.

Ma cosa avviene esattamente a livello fisico? A questo quesito ha risposto il professor David GreenField della facoltà di Psichiatria dell’Università del Connecticut: “Questa nuova forma di dipendenza dipende da un malfunzionamento della dopamina, il neurotrasmettirore che regola il circuito celebrale della ricompensa, spingendo a compiere un’azione per avere in cambio un premio. Considerando i messaggi come un premio, il fatto di non sapere quando arriverà una nuova notifica, costringe il cervello della persona affetta dalla patologia a controllare continuamente”.

Oltre a stress e ansia tutto questo può comportare calo dell’attenzione, scarso interesse per le attività quotidiane e i rapporti nel mondo reale.

Francesca Biagioli

Leggi anche:

– I rischi del cellulare: 8 cose da tenere presente

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
eBay

Come scegliere il gazebo perfetto

eBay

Moda circolare: vendi le cose che non metti e adotta un comportamento sostenibile

NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook