Gli amici si scelgono con l’aiuto del Dna

Una scoperta davvero interessante arriva dagli Stati Uniti: l’amicizia è anche questione di Dna! Sembra infatti che gli amici abbiano in comune più patrimonio genetico rispetto a due estranei, esattamente l’1% ovvero un quantitativo simile a quello che condividono due lontani parenti, ad esempio due cugini di 4° grado.

Questi risultati arrivano da una ricerca compiuta da alcuni scienziati dell’Università di San Diego e di Yale e pubblicata su Pnas. James Fowler e Nicholas Christakis, i due autori principali dello studio, hanno analizzato il patrimonio genetico di 1932 persone che avevano partecipato tra gli anni ’70 e i primi anni 2000 al Framingham Study, una ricerca che aveva raccolto (tra le altre cose) dati che riguardavano i rapporti di amicizia tra persone non imparentate.

Dall’analisi del Dna, che si è soffermato su circa 500mila punti del patrimonio genetico, si è notato che in particolare sono i geni che controllano l’olfatto ad essere condivisi dagli amici. L’1% di affinità che si riscontra potrebbe sembrare poco ma in termini genetici non è affatto così: “anche se l’1 per cento potrebbe non sembrare granché, per i genetisti si tratta di un numero significativo. La maggior parte delle persone non sa nemmeno chi sono i loro cugini eppure tra una miriade di possibilità riusciamo a selezionare come amici le persone che assomigliano ai nostri parenti” hanno commentato i ricercatori.

Ma perché due persone che condividono una piccola parte di Dna sono spinte a diventare amici? Fowler ipotizza che avere una genetica simile potrebbe rendere più facile incontrarsi perché magari si frequentano gli stessi posti oppure si scelgono ambienti di lavoro simili.

Qualunque siano i motivi per cui si stringono legami, questo studio dimostra che c’è una sorta di familiarità tra gli amici. I ricercatori tra l’altro hanno sviluppato anche un ‘punteggio dell’amicizia’ per riuscire a prevedere prima chi diventerà amico di chi in base appunto alla genetica, un po’ come oggi già si fa per calcolare le possibilità di sviluppare malattie come obesità e schizofrenia.

Francesca Biagioli

Leggi anche:

Tabagismo: colpa di geni e Dna

Scoperti i geni del gusto: in futuro ci saranno le diete genetiche?

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
Deceuninck

Finestre e serramenti in ThermoFibra: cos’è e quali sono i vantaggi della loro installazione

TuVali.it

150+ corsi online su Salute e Benessere, a partire da 5€ (in collaborazione con GreenMe)

Sorgente Natura

I prodotti che non dovrebbero mai mancare in una lista nascita green

Mediterranea

Come prendersi cura delle mani dopo lavaggi frequenti

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook