Amianto: scoperta la mutazione genetica che causa il tumore

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Amianto e tumori. In una parola Mesotelioma, una termine che forse non avrete mai sentito, si tratta infatti di un particolare tipo di tumore che colpisce le cellule del mesotelio, ovvero quelle che si trovano all’esterno di cavità sierose del corpo come pleura, peritoneo e pericardio. Questo tipo di tumore è associato all’ e, una volta diagnosticato, offre davvero poche speranze di vita. Oggi però in Italia si è fatto un nuovo decisivo passo avanti sul fronte ricerca.

Un team del dipartimento di Oncologia dell’Università di Torino, in collaborazione con l’ospedale San Antonio e Biagio di Alessandria è riuscito ad individuare la mutazione genetica alla base della diffusione così aggressiva di questo tumore che a 3 anni dalla diagnosi, offre un’aspettativa di vita dell’8%.

Alla guida dell’équipe il professor Giorgio Scagliotti che ha spiegato il metodo utilizzato durante la ricerca per arrivare a questi risultati:

Abbiamo utilizzato un approccio mirato per valutare retrospettivamente alterazioni in 52 geni, fra quelli più frequentemente mutati nei tumori, in 123 pazienti con mesotelioma maligno della pleura in stadio avanzato. Il sequenziamento di nuova generazione è un metodo affidabile: si concentra infatti su un gruppo specifico di geni invece di ricorrere al più complesso sequenziamento dell’intero genoma. Questo procedimento ha il potenziale per descrivere il tipo, la posizione e il numero di mutazioni genetiche nel mesotelioma e consente di identificare associazioni con le caratteristiche del paziente, compresi i dati di sopravvivenza”.

Queste mutazioni, tra l’altro, sono state definite temporanee e ciò potrebbe essere la spiegazione alla base del fatto che questo tipo di tumore compare dopo 20 o addirittura 40 anni dalla prima esposizione all’amianto.

La scoperta, tutta italiana, a detta dei ricercatori porterà alla nascita di nuove terapie mirate e molto più efficaci di quelle oggi disponibili. E questo è un notevole passo avanti considerando che nel 2014 nel nostro paese sono stati diagnosticati 1800 nuovi casi di mesiotelioma.

La ricerca è stata pubblicata sul Journal of thoracic oncology, rivista dell’Associazione internazionale per lo studio del carcinoma polmonare.

Francesca Biagioli

Leggi anche:

Carciofo: arma naturale contro il tumore da amianto?

Aumento incidenza dei tumori nei siti italiani a rischio (l’elenco)

Ecco perché l’amianto è dannoso per l’uomo

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Fairtrade

Le settimane Fairtrade del commercio equo e solidale: compra etico e scopri online l’impatto dei tuoi acquisti

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook