Allergie: con i cambiamenti climatici quadruplicheranno nel 2050

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Cambiamenti climatici e allergie respiratorie. Le variazioni del clima, sempre più evidenti anche nel nostro Paese, provocheranno entro il 2050 l’aumento nell’aria del polline dell’Ambrosia artemisiifolia, responsabile di rinite, congiuntivite e asma.

È quanto prevedono alcuni scienziati impegnati nel progetto europeo “Atopica (Atopic diseases in changing climate, land use and air quality)“, secondo i quali la quantità di allergeni nell’aria che respiriamo in Europa aumenterà in media fino a quattro volte rispetto a quella attuale nei prossimi 35 anni.

Secondo lo studio pubblicato su Nature Climate Change, il fenomeno aumenterà il numero di persone allergiche e sarà in grado di spostare il periodo di maggior diffusione della rinite allergica dalla primavera alla tarda estate, momento in cui la pianta produce i granuli pollinici. L’Ambrosia artemisiifolia è una specie erbacea originaria del Nord America che produce un polline ad elevato tasso allergenico e che qui in Europa si trova in Ungheria, in Francia e nel Nord Italia (anche se pure a Roma l’Ambrosia è finita un paio di anni fa sotto i riflettori per l’aumento della sua presenza e la prima incidenza sensibile della presenza dell’allergia).

L’INDAGINE – I ricercatori hanno usato due sistemi numerici differenti in modo da prevedere il modo in cui i semi si disperdono nell’atmosfera. Il primo sistema simula i futuri cambiamenti climatici, sulla base delle probabili emissioni di gas dei prossimi anni. Il secondo riproduce i fenomeni d’invasione dell’Ambrosia e la produzione, il rilascio e la dispersione di polline nell’aria.

I risultati hanno così evidenziato che, per il 2050, la concentrazione dei pollini di Ambrosia sarà, in media, quattro volte maggiore. Un aumento che, secondo gli scienziati, è imputabile per due terzi ai cambiamenti climatici che, accrescendo la presenza atmosferica di CO2 portano a un maggiore sviluppo della vegetazione e alla conseguente produzione dei pollini. Un terzo, invece, sarà dovuto alla colonizzazione di nuovi ambienti che prima non potevano offrire le condizioni climatiche adatte all’insediamento dell’Ambrosia.

COSA FARE – Quella all’ambrosia è una rinite particolarmente forte ma i sintomi si curano come quelli di altre pollinosi, anche se potrebbe essere utile spingere le dosi oltre a quelle, per esempio, delle graminacee. Per l’ambrosia ci sono vaccini molto efficaci, godono di ampia sperimentazione e possono arrivare a cambiare il trend di andamento del disturbo.

Germana Carillo

LEGGI anche:

Ambrosia: arriva dagli Usa l’allergia sconosciuta che sta colpendo i bimbi italiani

OMS: allergie respiratorie in aumento per colpa dei cambiamenti climatici

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per Greenme.it dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook