Allergie: quello alimentari colpa dell’acqua del rubinetto o dei pesticidi?

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Soffri di allergie alimentari? La colpa potrebbe essere del cloro presente nell’acqua del rubinetto, utilizzato per trattarla. Ma anche dei pesticidi. È quanto sostiene una nuova ricerca, condotta su oltre diecimila partecipanti dall’Albert Einstein College of Medicine di New York e pubblicata sulla rivista Annals of Allergy, Asthma and Immunology, che ha trovato un legame tra l’uso di un sottoprodotto del cloro e l’aumento del numero di persone che soffrono di allergie alimentari.

Se negli Stati Uniti ad essere colpiti sono ben 15 milioni di individui, in Europa 17 milioni, di cui 3,5 hanno meno di 25 anni, la colpa potrebbe essere imputata, sostengono i ricercatori, proprio alla presenza nell’organismo di alti livelli di diclorofenoli, agenti chimici utilizzati sia nei pesticidi sia per la disinfezione dell’acqua potabile, in grado di alterare la microflora intestinale.

La nostra ricerca mostra che alti livelli di pesticidi contenenti diclorofenolo possono indebolire la tolleranza ai cibi in alcune persone, scatenando le allergie alimentari. Questa sostanza si trova comunemente nei pesticidi utilizzati dagli agricoltori e anche nell’acqua potabile“, spiega l’allergologa Elina Jerschow, autrice principale dello studio.

I ricercatori hanno misurati i livelli della sostanza chimica nelle urine di 2.211 persone che avevano partecipato all’US National Health and Nutrition Examination Survey, tra il 2005 e il 2006. Tra loro, 411 avevano un’allergia alimentare, mentre 1.016 avevano un’allergia ambientale. In coloro che presentavano alti livelli di diclorofenolo, la probabilità di essere allergici ad almeno un tipo di alimento aumentava dell’80%, mentre quella di essere allergici sia a un alimento che a un allergene ambientale, come il polline o la polvere, era superiore del 61%.

Studi precedenti – conclude la dottoressa Jerschow- avevano mostrato che sia le allergie alimentari che quelle ambientali sono in aumento negli Stati Uniti. I risultati del nostro studio suggeriscono che queste due tendenze potrebbero essere collegate e che l’incremento nell’uso di pesticidi e altri agenti chimici è associato a una più elevata prevalenza di allergie alimentari“.

Passare all’acqua in bottiglia, quindi, è una soluzione inefficace per evitare questo effetto collaterale dei pesticidi.

Roberta Ragni

Leggi anche:

Acqua in bottiglia o acqua del rubinetto?

Allergie alimentari: aumentano le reazioni anafilattiche tra i bambini e nelle scuole

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Fairtrade

Le settimane Fairtrade del commercio equo e solidale: compra etico e scopri online l’impatto dei tuoi acquisti

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook