Alito e malattie: odori diversi possono indicare diverse patologie

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Possono gli odori indicare la presenza o meno di una malattia che sta affliggendo il nostro organismo? Dal Monell Chemical Senses Center di Philadelphia arrivano i risultati di una curiosa ma interessante ricerca che è riuscita a collegare l’odore dell’alito a diverse malattie.

Secondo lo studio, pubblicato sulla rivista Sensors, ogni patologia avrebbe il suo particolare odore, ovvero l’alito cambierebbe assumendo delle caratteristiche diverse a seconda che si tratti di diabete, problemi alla tiroide, al fegato, alla vescica o altro. Il meccanismo per cui avviene ciò è in realtà già noto: l’organismo produce quotidianamente delle sostanze chimiche (scarti del metabolismo) con determinati odori. Però, in caso ad esempio di cellule cancerogene, vengono rilasciate delle sostanze diverse con relativi odori diversi, ed è proprio su quest’ultimi che lo studio si è andato a concentrare.

I ricercatori hanno fatto degli esempi concreti per spiegare il loro risultato e metterlo a disposizione di tutti: il diabete produce un alito dall’odore simile al solvente per le unghie mentre disturbi alla tiroide di pane bruscato. Problematiche al fegato rendono l’alito maleodorante come quello del pesce crudo, invece una vescica non sana porta ad avere un odore di ammoniaca.

Non sempre però, avvertono gli studiosi, l’olfatto umano è in grado di percepire le sottigliezze di questi odori soprattutto se sono leggeri e non chiaramente evidenti, per effettuare le diagnosi future dunque, se questo metodo verrà effettivamente comprovato anche da ulteriori ricerche, si potrebbe ricorrere a nasi elettronici capaci di grande precisione nell’individuare le sfumature degli odori.

Il dottor George Preti, a capo della ricerca, intende soffermarsi in particolare sulla diagnosi del cancro alle ovaie, molto pericoloso perché solitamente viene diagnosticato solo quando è ormai in fase troppo avanzata. Tra l’altro Preti e il suo team sono impegnati da anni in questo tipo di ricerca che vuole collegare odori (non solo dell’alito ma anche del cerume e di altre secrezioni corporee) alla comparsa di malattie con la finalità ultima di riuscire a creare sistemi diagnostici innocui ed efficaci.

Francesca Biagioli

Leggi anche:

– Salute: le 5 spie del nostro corpo

Il colore e l’aspetto della nostra lingua ci dicono che….

Alitosi: 10 rimedi naturali per l’alito cattivo

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

ABenergie

Smart working: come scegliere il tuo gestore di energia ora che lavori da casa

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook