Erbe e spezie: quasi la metà di quelle vendute in Europa sono adulterate. Lo studio sul DNA

Spezie

I prodotti a base di erbe, venduti in tutto il mondo come alimenti o integratori, sono sono considerati sicuri e privi di rischi poiché percepiti come naturali.

Purtroppo però, spesso i controlli su erbe sfuse, spezie o estratti di erbe sono scarsi o inefficaci e non è raro che in commercio si trovino prodotti sofisticati, che contengono sostanze diverse da quelle indicate in etichetta.

Il mercato delle erbe, delle spezie e dei loro derivati ha infatti importanti risvolti economici e poiché molte piante risultano particolarmente costose, non è raro che i produttori alterino i prodotti, ad esempio aggiungendo a una droga vegetale altre droghe dall’aspetto simile ma dal prezzo inferiore e prive di proprietà.

Un nuovo studio pubblicato su Frontiers in Pharmacology ha indagato sulla portata di questo fenomeno, analizzando quasi 6mila prodotti a base di erbe e spezie venduti in 37 paesi in tutto il mondo.
Secondo i risultati di questa ricerca, il 27% delle erbe e dei prodotti da esse ricavati risultano sofisticati, adulterati o contraffatti, e il contenuto non rispecchia ciò che è indicato in etichetta.

Le percentuali di prodotti sofisticati varia in modo significativo da un continente all’altro. L’Australia si classifica al primo posto con il 79% di sofisticazioni registrate, seguita dal Sud America (67%) e dall’Europa (47%). La situazione migliora in Nord America, dove i prodotti non conformi sono il 33%, in Africa (27%) e in Asia (23%).

All’interno dei singoli continenti, poi, le maggiori difformità sono state riscontrate in Brasile, dove bene il 68% dei prodotti erboristici risulta adulterato. Altri paesi si attestano su percentuali molto inferiori, con il 32% di erbe contraffatte a Taiwan, seguita da India (31%), Stati Uniti (29%), Malesia (24%) e Giappone (23%).

I prodotti a base di erbe possono contenere contaminanti, sostanze sostitutive, ingredienti non indicati in etichetta o addirittura specie vegetali completamente diverse da quelle dichiarate.
Le sofisticazioni possono essere accidentali o intenzionali, spesso in questo caso motivate da interessi economici.

Le analisi di questo nuovo studio sono state effettuate mediante test del DNA sulle erbe i ricercatori concordano sul fatto che, grazie alla sempre più crescente sensibilità analitica, è possibile che le percentuali erbe sofisticate rilevate sul mercato aumenti.

Secondo i ricercatori, i risultati di questo studio dovrebbero servire spingere le autorità a effettuare maggiori controlli, poiché tali le adulterazioni e le contraffazioni rappresentano un probabile rischio per la salute umana.

Vista la crescente domanda di erbe e derivati da parte dei consumatori, è indispensabile garantire la sicurezza di tali prodotti attraverso analisi più efficaci.

Nel frattempo, i consumatori possono difendersi evitando gli acquisti presso rivenditori sconosciuti, soprattutto online o ai mercatini. Il consiglio è quello di rivolgersi alle erboristerie e farmacie, in grado di garantire la serietà, la professionalità e la correttezza dei produttori.

Leggi anche:

Tatiana Maselli

Laureata in Scienze e Tecnologie Erboristiche, redattrice web dal 2013, ha pubblicato per Edizioni Età dell’Acquario Saponi e cosmetici fai da te, "La Salvia tuttofare" e "La cipolla tuttofare".
Caffé Vergnano

Women in coffee, il progetto che sostiene il ruolo delle donne che lavorano nelle piantagioni di caffè

Coop

Fuori la plastica dai sacchetti del pane!

tuvali
seguici su Facebook