Abuso di alcol: Elio e le Storie Tese con il Ministero per disincentivare i giovani (VIDEO)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Dal Ministero della Salute è in arrivo una nuova campagna di prevenzione contro l’abuso di alcolici rivolta ai giovani. Per attirare la loro attenzione su una questione importante ma trascurata, ecco la partecipazione di Elio e le Storie Tese.

Proprio questa mattina, mercoledì 12 maggio 2015, il ministro della Salute Beatrice Lorenzin ha inaugurato la nuova campagna ministeriale contro l’abuso di alcol con la partecipazione di Elio e le Storie Tese presso il Liceo Scientifico Statale Kennedy di Roma.

La campagna è stata pensata per i giovani, dunque utilizzerà i linguaggi e i mezzi di comunicazione tipici dei ragazzi e si svilupperà sul web. In questa occasione il Ministero della Salute comunica che i dati a disposizione sull’uso di alcol tra i giovani, purtroppo anche minorenni, sono allarmanti.

Si parla di una vera e propria emergenza per quanto riguarda l’abuso di alcol tra i giovani. E i ragazzi, secondo il ministro della Salute, sottovalutano completamente quali siano i rischi che si nascondono in fondo al bicchiere. Ecco allora l’idea di una campagna di comunicazione molto forte nella speranza che possa essere efficace per scoraggiare il consumo di alcolici tra i giovani.

A questo proposito Elio e le Storie Tese hanno scritto una canzone dal testo ricco di informazioni ma nello stesso tempo divertente, così da attirare l’attenzione dei giovani sulla problematica dell’abuso di alcol.

Elio e le Storie Tese hanno collaborato anche alla realizzazione di un videoclip e di miniclip che verranno diffusi in modo virale sul web. Per la diffusione della campagna è stato realizzato il sito internet Alcol Snaturato – Una Serata Speciale in cui potrete guardare il videoclip interattivo e ascoltare la canzone di Elio e le Store Tese.

Il videoclip e la canzone Alcol Snaturato parlano di argomenti specifici: il consumo di alcol tra i minorenni e l’abuso di alcol tra i giovanissimi; la tendenza a sottovalutare il problema; le conseguenze nefaste di quest’abitudine pessima, dalle patologie derivanti dall’abuso di alcol all’impressionante numero di morti che all’alcol sono riconducibili.

elio e le storie tese alcolici

Il gruppo di musicisti tiene a specificare quanto segue:

“Una precisazione per i rompiballe: il complesso degli Elio e le Storie Tese non è astemio, e non condanna il consumo ragionevole e ragionato di alcol da parte di persone adulte ragionevoli e ragionate. Tuttavia ci tiene a raggiungere l’età pensionabile in compagnia di tutti i ragazzi che affollano i suoi concerti (e quelli degli altri), fino a che questi ragazzi non diventeranno canuti (*), senza perderne nessuno per strada. O in strada, fra le lamiere di un’auto guidata da qualcuno tanto maggiorenne quanto ubriaco quanto pirla”.

Ecco il video contro l’abuso di alcol con Elio e le Storie Tese.

Scarica qui l’opuscolo del Ministero della Salute “Alcol Snaturato”.

Ascolta “Alcol Snaturato. Una serata speciale” su SoundCloud.

Marta Albè

Leggi anche:

Alcolici vietati ai minori di 18 anni: il proibizionismo è la soluzione?

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Life Coach, insegnante di Yoga e meditazione. Autrice del libro “La mia casa ecopulita” edito da Gribaudo - Feltrinelli editore.
Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Fairtrade

Le settimane Fairtrade del commercio equo e solidale: compra etico e scopri online l’impatto dei tuoi acquisti

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook