punture vespe home

Allergie al veleno degli imenotteri. In estate, le punture di api, calabroni, vespe e gialloni – e più in generale di tutti gli insetti velenosi – sono molto più frequenti e di conseguenza aumentano le possibilità di reazioni allergiche anche gravi, come lo shock anafilattico. Specie tra i soggetti a rischio.

A lanciare l'allarme è la Fondazione Maugeri di Milano, che si occupa della gestione di pazienti sensibili e allergici grazie ad un ambulatorio dedicato.

Secondo gli esperti, nel periodo estivo, gli imenotteri aumentano la loro pericolosità, perché tendono a nidificare in luoghi secchi, caldi e soleggiati, ad esempio nelle grondaie, negli anfratti dei muri, sotto i tetti delle abitazioni e sui rami degli alberi, perché particolarmente attratti dai cibi, dalla frutta dolce e dagli oggetti sgargianti.

Per questo, chi trascorre molto tempo all'aria aperta può essere maggiormente a rischio e ricevere con più probabilità una puntura di insetto.

Tra i fattori a rischio più comuni ci sono:

- il tipo di puntura (quelle al volto e al collo sono più pericolose che in altri punti del corpo);

- l'età (gli anziani sono anche in questo caso più a rischio che i giovani, soprattutto se ipertesi o con patologie cardiache e respiratorie),

- l'uso di farmaci (specie quando si fa uso di antipertensivi),

- il tipo di insetto (l'ape è più pericolosa della vespa),

- il consumo di alcool.

Ma cosa bisogna fare in caso di puntura di insetto?

"Un soggetto che dopo una puntura manifesta una reazione mai avuta in precedenza – ha fatto sapere la dottoressa Gianna Moscato, dirigente del Servizio Autonomo di Allergologia e Immunologia della Clinica Maugeri - deve andare subito al Pronto Soccorso soprattutto in presenza di sintomi gravi e generalizzati come difficoltà a respirare, senso di mancamento e dolori in zona epigastrica; se invece manifesta una reazione locale estesa deve recarsi dal medico curante che lo indirizzerà a un centro specializzato. I soggetti con una diagnosi accertata di allergia a veleno di imenotteri devono sempre portare con se' un preparato a base di adrenalina per auto somministrazione. L'adrenalina è infatti l'unico potente antiallergico in grado di agire tempestivamente nella fase acuta; quanto prima viene somministrato tanto maggiore è la sua efficacia".

"Nei soggetti con diagnosi confermata il vaccino – ha aggiunto Carlo Biale, il medico che dirige l'ambulatorio - è l'unico trattamento in grado di garantire una protezione completa: è infatti protettivo nel 95-98% dei pazienti trattati".

Qualche consiglio per prevenire le punture di insetti

Per tenere lontane le api, i calabroni e tutti gli insetti potenzialmente pericolosi, basta seguire alcuni accorgimenti:

- è bene vestirsi con abiti chiari

- è opportuno evitare profumi e odori forti,

- è meglio non camminare scalzi nell'erba

- in auto è consigliato viaggiare con i finestrini chiusi, mentre in motorino è opportuno coprirsi usando non solo il casco integrale, ma anche guanti e possibilmente un foulard o una bandana per coprire completamente il collo e le spalle.

Verdiana Amorosi

Leggi anche:

- Punture d'insetto, tutti i rimedi e le cure più efficaci

- Rimedi naturali e fai-da-te per le punture di zanzare

maschera lavera 320

Salugea

Colesterolo alto: ridurlo in soli 3 mesi naturalmente

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
banner colloqui dobbiaco
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram