sole_bambini_melanoma_

La primavera è ormai arrivata e con le prime belle giornate di sole si inizia già a pensare alla tintarella! Occhio però a non esagerare con l’esposizione, perché i danni provocati da un’abbronzatura repentina non vanno affatto sottovalutati.

Gli italiani - si sa - vanno pazzi per la tintarella, ma spesso si espongono al sole in modo irresponsabile: circa un italiano su 10 (12%) si espone senza alcun tipo di protezione; uno su 4 (24%) non usa creme protettive e chi lo fa sceglie schermature troppo blande (circa il 53%). Il risultato? Più della metà riporta scottature importanti, con il rischio di conseguenze più gravi per la salute della pelle.

Ma c’è di più! Ad essere in pericolo sono soprattutto i bambini, che vengono lasciati quasi sempre sotto il sole senza crema protettiva (96%), senza cappellino (56%), senza maglietta (89%) e occhiali da sole (83%). Anche in questo caso le conseguenze non sono da poco: in due casi su cinque i più piccoli restano vittime di eritemi e bolle; mentre in molti altri casi riscontrano bruciori e arrossamenti.

Il dato preoccupante è che questi bruciori possono trasformarsi in qualcosa di più pericoloso, come i melanomi, sempre più diffusi sia tra gli adulti che tra i bambini.

È quanto emerge da un bilancio effettuato dai dermatologi dell'Adoi -Associazione dermatologi ospedalieri italiani, in collaborazione con La Roche-Posay, che per il terzo anno hanno lanciato un progetto di sensibilizzazione “Myskincheck”, grazie al quale verrà distribuito materiale informativo e verranno effettuate 5.000 visite dermatologiche gratuite.

Dai dati raccolti lo scorso anno, gli italiani visitati sono stati 2.925; di cui 2.578 adulti e 347 bambini. Tra le persone visitate sono state diagnosticate diverse neoplasie: il 5% sul totale degli adulti visitati e sul 2,6% sul totale dei bambini.
Ma il dato forse più preoccupante è che più della metà degli adulti e quasi la totalità dei bambini visitati non era mai entrato in un ambulatorio di dermatologia.

Via libera quindi a creme protettive, meglio se naturali e bio, ma anche occhiali e cappelli, abiti leggeri realizzati in cotone o lino, e ricordiamoci sempre di esporsi al sole solo nelle prime ore del mattino o nel tardo pomeriggio!

Verdiana Amorosi

Leggi anche il nostro articolo sui solari biologici

Leggi anche i consigli green per proteggere la pelle

monge

Monge

10 cose da sapere prima di accogliere un cucciolo in casa

plt energy

PLT puregreen

I vantaggi di scegliere un operatore di energia da fonti rinnovabili

sai cosa compri
dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
seguici su facebook
manifesto
banner calendario
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram