meditazione_natale

Il periodo natalizio si avvicina, e già nell’aria sentiamo montare la frenesia dei regali e dei preparativi, di cene pantagrueliche e ripetuti brindisi… con la preoccupazione che ne segue, aumento di peso ed a gennaio trovare il tempo e l’energia per tanta attività fisica in più. Un articolo apparso sul sito di planet green, ci propone un approccio diverso, senza estenuanti sessioni in palestra o mortificanti rinunce: la meditazione.

Ebbene, attraverso una pratica meditativa costante possiamo andare ad agire su ciò che origina un rapporto non equilibrato con l’alimentazione, muovendoci su due fronti:

  • apprezzare molto di più il cibo che gustiamo
  • fermarsi quando ci rendiamo conto di averne avuto abbastanza.

Tutto ciò è possibile attraverso una maggiore consapevolezza di noi stessi e di come agiamo, consapevolezza che ricerchiamo attraverso la meditazione. Anche se all’inizio ci sembra una pratica complicata o troppo distante, semplicemente avvicinandoci ad essa ci rendiamo conto di quanto in realtà sia naturale e, per dirla con gli anglosassoni, “down to earth”.

Ci basterà sederci su un cuscino o su delle coperte ripiegate, in un ambiente tranquillo e il più possibile silenzioso, diventare consapevoli della posizione della spina dorsale che deve restare eretta, e focalizzare la nostra attenzione sul respiro. Se la mente, com’è sua natura, comincia a divagare, non diamo energia agli altri pensieri ma li osserviamo passare come immagini su uno schermo, per poi tornare al respiro. Tutto questo non per interminabili sessioni, ma anche solo 10 minuti al giorno, l’importante è praticare con costanza.

Questa pratica ci renderà più ancorati al momento presente, prevenendo distrazioni e proiezioni nel futuro che spesso sono alla base di comportamenti non consapevoli, come ingerire un’eccessiva quantità di leccornie durante le feste, oppure mangiare per noia o nel tentativo di compensarci ogni volta che ci troviamo fuori equilibrio. Nel tempo, passato il periodo natalizio, tutto questo ci porterà a sostituire le centinaia di sedicenti diete miracolose con una dieta sensibile, basata sulle nostre effettive necessità e sul gustare consapevolmente ciò di cui ci nutriamo.

Giordano Novielli



monge

Monge

20 cose che il tuo cane e gatto non dovrebbero mai mangiare

plt energy

PLT puregreen

I vantaggi di scegliere un operatore di energia da fonti rinnovabili

sai cosa compri
dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
seguici su facebook
manifesto
banner calendario
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram