Il segreto della lobby del tabacco: le sigarette vendute in Africa sono più tossiche

sigarette tossiche africa

Ogni anno la Svizzera esporta più sigarette che cioccolato. E c'è un grande segreto che le lobby del tabacco non vogliono che tu sappia. Test esclusivi mostrano che di fatto esiste un doppio standard: le sigarette vendute in Africa sono più tossiche di quelle fumate in Europa.

I dati che emergono dall'inchiesta di Public Eye, a firma di Marie MaurisseMarie Maurisse, rivelano che i colossi del tabacco stanno attuando una complessa strategia per accaparrarsi nuove schiere di fumatori in Africa, e, purtroppo, sono soprattutto i giovani a caderne vittima.

Si scopre, così, che le sigarette vendute in Marocco contengonovalori più alti di nicotina e monossido di carbonio rispetto a quelle vendute in Francia o in Svizzera. Un dato che è emerso da un’analisi effettuata su 30 pacchetti di sigarette prodotte dalla Philip Morris e vendute in Marocco, che hanno rivelato le incongruenze dei dati dichiarati sulle confezioni. 

I risultati sono chiari: le sigarette fatte in Svizzera e vendute in Marocco sono molto più forti, più avvincenti e più tossiche di quelle che si trovano in Svizzera o in Francia.

Un campione del marchio Winston, ad esempio, ha più di 16,31 milligrammi di particelle totali per ogni sigaretta, rispetto al 10,5 delle Winston Classic acquistate a Losanna. Per la nicotina, la differenza tra sigarette commercializzate in Marocco e Svizzera è particolarmente sorprendente: 1,28 milligrammi per ogni sigaretta Camel venduta in Marocco, contro soli 0,75 milligrammi di quella venduta in Svizzera. 

Ma perché?

Semplice: questo crea più dipendenza, così è più difficile farne a meno, e quindi più tossicità.

“L’Africa è un bacino vivente di futuri fumatori. È il continente dove il mercato esploderà da qui al 2025 secondo l’OMS. Sarà la zona del mondo dove si fumerà di più. Ed è per questo che per i produttori è fondamentale conquistare fumatori sin dalla più giovane età in questi paesi”, conclude l'inchiesta, rivelando una terribile verità.

La Philip Morris, dal canto suo, respinge le accuse:

“Tutti i nostri prodotti sono creati per rispondere alle preferenze dei consumatori adulti e i loro gusti nei diversi paesi, tenendo conto delle regole applicate in questi paesi”.

Difficile aspettarsi una risposta diversa. Ma i dati appaiono chiari per chi li vuole vedere... L'ennesimo tentativo si sfruttare l'Africa e gli africani.

Roberta Ragni

Leggi anche:

Come spiegare ai giovani che le sigarette fanno male

arona tgi

SEAT

Nuova SEAT Arona TGI a metano: prezzi, modelli e caratteristiche

trocathlon320

Trocathlon

Come vendere e acquistare attrezzatura sportiva usata per aiutare l'ambiente

sai cosa compri
dieta
integratori
lievito madre
oli essenziali
ricette
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
seguici su facebook
corsi pagamento
whatsapp gratis
seguici su instagram