concerti

Partecipare a un concerto potrebbe aiutare a vivere meglio e anche a farlo più a lungo, prolungando l'aspettativa di vita di 9 anni.

Lo dice uno studio condotto da O2 e da Patrick Fagan, esperto in scienze comportamentali e professore associato della Goldsmith University. Secondo la ricerca, dedicare il proprio tempo periodicamente ad attività ricreative come i concerti fa bene all'umore e anche alla salute, allungando letteralmente la vita.

La ricerca si è occupata proprio del potere della musica dal vivo sul corpo e sulla mente. Assistere a un concerto di musica una volta ogni 15 giorni potrebbe aumentare l'aspettativa di vita fino a 9 anni grazie al suo potere di influire positivamente sul benessere.

Bastano anche 20 minuti di musica per produrre un significativo aumento pari al 21% delle sensazioni di benessere. Oltre a questo, ulteriori ricerche accademiche collegano direttamente alti livelli di benessere a un aumento della durata della vita, in cui vi è un legame diretto tra il divertimento e la longevità.

Le scoperte derivano da test psicometrici e dal monitoraggio dei battiti cardiaci durante una lunga serie di attività di benessere, tra cui lezioni di danza, yoga e passeggiate con cani. L'esperienza del concerto ha aumentato le sensazioni piacevoli dei partecipanti del 21%, l'autostima e l'empatia del 25% mentre la stimolazione mentale è aumentata del 75%.

In un secondo momento, gli scienziati hanno cercato di dimostrare la correlazione positiva tra la regolarità di partecipazione ai concerti di musica e il benessere. Coloro che frequentano i concerti dal vivo una volta ogni quindici giorni sono più inclini a esprimere la loro felicità,  soddisfazione, produttività e autostima al massimo livello (10/10), suggerendo che vivere regolarmente la musica dal vivo contribuisce al benessere.

Nina Bibby, CMO di O2 ha detto:

“Sappiamo tutti quanto sia bello vedere la propria band o artista preferita dal vivo, ma ora ne abbiamo la prova”,

Ascoltare la musica a casa non fa lo stesso effetto anche perché l'esperienza di un concerto, oltre a essere più forte e coinvolgente, è condivisa anche con gli altri.

Patrick Fagan ha aggiunto:

"La nostra ricerca mostra il profondo impatto dei concerti sui sentimenti di salute, felicità e benessere con la frequenza quindicinale o regolare che è la chiave”.

Musica, un vero e proprio toccasana soprattutto quando possiamo viverla insieme agli altri.

LEGGI anche:

Francesca Mancuso

sai cosa compri
dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
seguici su facebook
festival scirarindi
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram