inquinamento_citt

Basta respirare l’aria delle città più inquinate del nostro Paese per registrare uno sconvolgimento del nostro DNA e aumentare i rischi di ictus e infarto.

Lo rivela uno studio italiano sulle conseguenze provocate dalle polveri sottili sull'organismo dell’uomo, condotto da ricercatori dell'Università Statale di Milano e dall’Harvard School of Public Health, che hanno analizzato le conseguenze dell'inquinamento atmosferico sugli agenti di polizia municipale della loro città, su un gruppo di anziani di Boston e sugli operai di un’acciaieria italiana.

Nello studio italiano, sono state prese in esame 2000 persone residenti in Lombardia e – tra queste - gli studiosi hanno riscontrato che per ogni aumento di 10 microgrammi di PM10 per metro cubo d'aria, si ha un aumento del 70 % del rischio di trombosi, a causa delle polveri sottili, che riescono ad ingannare le cellule immunitarie delle vie aeree. Ciò causa delle reazioni infiammatorie che scaturiscono in forme di asma, allergie o addirittura trombosi.

Inoltre, lo studio ha rivelato incredibilmente che lo smog è in grado di sconvolgere il DNA delle persone, riprogrammando le funzioni dei geni, anche dopo essere stati appena sette giorni a contatto con le polveri sottili.



geronimo stilton

Trocathlon

Torna il mercatino dell'usato di Decathlon che fa bene all'ambiente e al portafogli

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram