mano bionica

Si chiama Almerina ed è la prima italiana a cui è stata impiantata una mano bionica in grado di percepire gli oggetti. Una vera e propria mano artificiale ma dotata di tatto. La sperimentazione è stata avviata 6 mesi fa e adesso è arrivata la notizia che è andata a buon fine.

A realizzare l'arto è stato un team internazionale composto dagli scienziati della Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa e del Politecnico di Losanna. Guidati da Silvestro Micera, i ricercatori hanno progettato e creato la mano tecnologica, mentre l'impianto sulla signora Almernina Mascarello è toccato all’équipe neurochirurgica di Paolo Maria Rossini al policlinico Gemelli di Roma, a giugno del 2016.

La donna, che vive in Veneto, aveva perso l'arto sinistro a causa di in un incidente. Almerina è stata dunque la prima a poter uscire dall'ospedale tre mesi dopo con la mano hi-tech perché, rispetto a quanto accaduto nel 2014, nel suo caso la componente elettronica si trovava racchiusa in un semplice zainetto, realizzato anche in collaborazione con l'Università di Cagliari.

"La mano è una versione migliorata di quella impiantata su un uomo danese nel 2014", ha detto Micera al'Ansa e "racchiude il sistema che registra i movimenti dei muscoli e li traduce in segnali elettrici, poi trasformati in comandi per la mano; un altro sistema trasforma l'informazione registrata dai sensori della mano in segnali da inviare ai nervi e quindi in informazioni sensoriali".

mano bionica2

Secondo Mucera, l'obiettivo adesso è quello di far sì che questa tecnologia sia utilizzabile clinicamente:

"Lo zainetto è stato uno step intermedio e il prossimo passo è miniaturizzare l'elettronica".

Una speranza in più per chi a causa di una malattia o di un incidente purtroppo ha perso una mano. La tecnologia e la ricerca possono davvero offrire un valido aiuto in questo campo.

mano bionica1

LEGGI anche:

Gli esiti della sperimentazione saranno presto resi noti su una rivista scientifica internazionale.

Francesca Mancuso

fonte Foto: S. Micera, Scuola Superiore Sant'Anna via Ansa.it

monge

Monge

20 cose che il tuo cane e gatto non dovrebbero mai mangiare

plt energy

PLT puregreen

I vantaggi di scegliere un operatore di energia da fonti rinnovabili

sai cosa compri
dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
seguici su facebook
manifesto
banner calendario
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram