Adolescenti smartphone

Insonnia da smartphone: i giovani di oggi passano talmente tanto tempo a smanettare sul cellulare che soffrono di veri e proprio disturbi del sonno. E non solo: anche l’esposizione a sostanze stupefacenti minaccia una crescita regolare dei nostri adolescenti.

È quanto afferma con non poche preoccupazioni Claudio Mencacci, Direttore del Dipartimento di Neuroscienze e salute mentale dell’ASST FBF-Sacco di Milano, autore, insieme con Gianni Migliarese, psichiatra del Fatebenefratelli, del libro “Quando tutto cambia. La salute psichica in adolescenza” (Pacini Editore). 

Sotto accusa arriva la cosiddetta “insonnia tecnologica”, che mina lo sviluppo cerebrale dei giovani ragazzi, e le nuove dipendenze di quelle da sostanze che continuano in forma sempre nuova a minacciare i teenager.

La nuova droga ‘invisibile’ ha mille fonti: “Internet, smartphone, gambling, social network, pornografia, videogiochi online e non – dice Mencacci. Come tante sono le forme di questa dipendenza crescente dalla tecnologia. Alcune sono diventate famose: nomofobia (paura di rimanere sconnessi), Fomo (paura di essere tagliati fuori dai social), ringxiety (ansia da smarphone), textiety (ansia da messaggio), vamping (ore notturne trascorse sui social media)”.

Un elenco di parole spaventose e a noi vecchie leve quasi sconosciute, una serie di condizioni che non possiamo non vedere più e che ci indicano che gli adolescenti hanno bisogno di aiuto per trovare punti di riferimento validi per una loro crescita in positivo. Tutti abbiamo avuto angosce legate all’età, ma quello che emerge da questa generazione è che le risposte i ragazzi di oggi le cercano non più nelle figure genitoriali ma dai social.

Insonnia tecnologica

I nostri adolescenti vivono un passaggio difficile: hanno poco passato, un presente incerto e un futuro di cui non si posseggono tracce, in sostanza navigano in un nuovo universo senza mappe, ‘a vista’.”

E ciò che li unisce un costante stato di allerta, di giorno come di notte.

Tutto ciò a cosa porta? A depressione, come afferma Mencacci, a un vero e proprio squilibrio nella chimica del cervello, come sostiene una ricerca dell’Università della Corea e a quello che viene definito il “primo killer” del cervello giovane: la carenza di sonno.

A 18 anni il 75% dei ragazzi dorme meno di 8 ore, il 10% dorme meno di 6 ore. Si comincia fin da bambini, con una sempre maggiore esposizione a sostanze stimolanti. Uno studio mostra che l’insonnia è presente nel 10% dei casi. E la deprivazione di sonno, soprattutto se cronica, porta conseguenze. Il tempo trascorso svegli influenza il numero delle sinapsi che si formano o che vengono eliminate nel cervello dell'adolescente. C’è una difficoltà a gestire situazioni di adattamento a stress crescenti, anche le dinamiche di ansia e depressione sono strettamente legate alla quantità e qualità del sonno”.

Ovviamente il mancato riposo porta a “conseguenze cognitive” che, secondo i dati degli esperto, vengono poi aumentate anche dall’utilizzo di sostanze, come cannabis e nuove sostanze psicoattive.

Leggi anche:

Dipendenza da videogiochi, smartphone e tablet: è allarme per bambini e adolescenti

10 motivi per cui i bambini non dovrebbero abusare di smartphone e tablet

Per il resto? In molti non praticano uno sport, molti altri usano il pc già dai 14 anni e il 10% degli 8 milioni e 200 mila giovani tra i 12 e i 25 anni si dice insoddisfatto della propria vita.

Qual è la soluzione? Probabilmente ciascun genitore nel suo intimo la conosce. Bisogna solo comprendere che l’adolescenza “non è soltanto una fase di transizione psicologica, ma di indispensabili cambiamenti neurobiologici. È uno dei periodi in cui la plasticità è maggiore: c’è una grandissima operazione di rimodulazione dell’organizzazione cerebrale, ci sono fenomeni di sfoltimento sinaptico, un processo che punta a formare connessioni ad alta velocità”, spiega Gianni Migliarese.

Sicuri che lasciarli soli col loro smartphone li renda giovani felici e appagati? Riprendiamo in mano le redini e facciano in modo che crescano adulti con senno e cervello!

Germana Carillo

I CORSI CHE TI FANNO STARE BENE!

Più di 100 corsi online su Alimentazione, Benessere, Psicologia, Rimedi naturali e Animali a partire da 5€. Test, attestati e la possibilità di vederli e rivederli quante volte vuoi!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su instagram
seguici su facebook
fai la cosa giusta

Dai blog