diabete-test

Un test del sangue per predire con largo anticipo il rischio di diabete di tipo 1. Da un team di scienziati italiani una scoperta che potrebbe portare una grande rivoluzione in ambito sanitario.

La scoperta fatta da Paolo Pozzilli e Rocky Strollo dell'Università Campus Bio-Medico di Roma e pubblicata dalla rivista Diabetologia è legata ad una molecola e presto si potrebbe arrivare a un test economico e pratico, per sapere in tempo se ci si ammalerà di diabete.

L'anticorpo 'oxPTM-INS-Ab' è una molecola presente in quasi tutti i bambini destinati ad ammalarsi negli anni a venire (anche 11 anni dopo) di diabete giovanile o di tipo 1, insulino-dipendente, una malattia autoimmune.

Secondo il team nel 91% dei bambini destinati a diventare diabetici è presente questo tipo di molecola. Potrebbe essere la prima spia davvero utile per prevedere l'insorgenza di una malattia che, solo in Italia, colpisce oltre 300 mila persone, con una crescita del 3% annuo nel numero di giovani ai quali viene diagnosticata.

Durante lo studio sono stati utilizzati i dati raccolti dai colleghi svedesi che avevano seguito per circa 20 anni oltre 17mila soggetti, valutando nel tempo una serie di fattori che potevano portare all’insorgere del diabete di tipo 1.

Le persone erano state monitorate con prelievi ematici eseguiti periodicamente, fin dalla nascita. I ricercatori italiani, attraverso questi campioni, hanno verificato la presenza nel sangue di questo auto-anticorpo, rivolto contro una forma di insulina modificata da processi ossidativi, insieme a quella degli altri quattro tipi di bio-marcatori standard, attualmente utilizzati per la diagnosi del diabete di tipo 1.

In passato, era già stato dimostrato su pazienti diabetici che la presenza di questi auto-anticorpi aveva un potere diagnostico superiore rispetto a quelli diretti contro la forma naturale, non modificata d'insulina, dando esito positivo in circa l'84% dei pazienti, rispetto al 61% ottenuto con gli anticorpi per l'insulina normale.

La ricerca adesso va avanti e c’è già un brevetto internazionale per un test del sangue semplice ed economico.

"Grazie a questa scoperta potremo presto fornire supporto ai soggetti che sentono il bisogno di sapere qual è il loro livello di predisposizione a sviluppare la malattia: penso, soprattutto, a quanti hanno fratelli o sorelle malati. Per questi ultimi, infatti, l'incidenza, che nella popolazione generale è del 2-3 per mille, può aumentare fino a 10 volte", dice Pozzilli.

"Stiamo lavorando, ma occorrono dei tempi tecnici: il test va ulteriormente validato", aggiunge Strollo.

Potrebbero interessarvi:

L’obiettivo è quello di cercare nuove soluzioni che possano scongiurare la morte di tutte le loro beta-cellule pancreatiche, evitando, così l'obbligo di assunzione di insulina per tutta la vita.

Dominella Trunfio

sai cosa compri
dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
seguici su facebook
festival scirarindi
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram