Micosi: cause, tipologie e tutte le cure naturali davvero efficaci

Micosi infezione

Le micosi sono infezioni fungine che possono riguardare non soltanto le unghie, ma anche la pelle, i peli e le mucose come bocca o vagina. Scaturiscono da funghi patogeni e in genere si associano all’uso di antibiotici, a un sistema immunitario inefficiente o alla presenza di diabete. Ma quali sono le cause di una micosi? E quali le tipologie e le cure con metodi naturali?

In base al livello di penetrazione, alla diffusione dell’agente infettante nei tessuti e alle caratteristiche specifiche del microrganismo, le micosi umane possono essere suddivise in quattro gruppi. Le più diffuse sono le infezioni superficiali e le infezioni sottocutanee, mentre la più conosciuta delle micosi cutanee è il cosiddetto piede d’atleta (tigna pedis), provocato da un fungo presente tra le dita del piede.

Cos’è la micosi e tipologie di micosi

Con micosi - dal greco “mikòs”, fungo - si indica un’infezione fungina, ossia provocata da funghi patogeni. Questi sono organismi eucarioti, unicellulari o pluricellulari, che possono causare – come dice la parola stessa – una determinata patologia nell’uomo, negli animali e nelle piante (un esempio su tutti è la candida).

Possono interessare la pelle, i peli, le unghie o le mucose di bocca e vagina e si classificano in quattro tipologie, in base in base al livello di penetrazione e di diffusione del fungo nei tessuti e alle sue caratteristiche.

Micosi superficiali

Sono malattie causate da funghi che crescono soltanto sulla superficie della pelle e dei capelli o dei peli, con una scarsa risposta infiammatoria da parte dell’ospite normale e quindi quasi nessuna risposta immunitaria. Nei soggetti immunocompromessi (come un soggetto HIV+) la diffusione del fungo sulla cute può essere patologica, molto estesa e dagli esiti devastanti. Quando l’infezione colpisce soprattutto le unghie, di mani o piedi, si parla di onicomicosi (o tinea unguium).

Tra gli esempi più frequenti si annoverano:

  • Pitiriasi versicolor (fattore fungino: Malassezia furfur), che determina un'iperpigmentazione o un'ipopigmentazione della pelle e interessa per lo più torace, collo, schiena e spalle
  • Pitiriasi nera o tinea nigra (fattore fungino: Hortaea werneckii), non contagiosa, caratterizzata da macchie cutanee irregolari e spesso isolate, di color marrone o nero e localizzate soprattutto sui palmi delle mani e sulle piante dei piedi
  • Pietra nera (fattore fungino: Pietraia hortae), poco comune ma particolarmente diffusa nelle aree tropicali di Africa e America meridionale, interessa il fusto del capello ed è caratterizzata dalla formazione di noduli bruno/neri sul cuoio capelluto
  • Pietra bianca (fattore fungino: Trichosporon spp.), per la quale si formano piccoli noduli tondeggianti e bianchi, tra i capelli e tra peli di inguine e ascelle

Micosi cutanee

In genere si identificano con il termine di tigna. In questo caso, la crescita fungina avviene negli strati cheratinizzati e più profondi della pelle, capelli, peli e mucose. A differenza delle micosi superficiali, le micosi cutanee portano a una risposta immunitaria e alla degradazione degli strati epidermici di cheratina. Ciò comporta a sua volta irritazione, infiammazione e, in alcuni casi, anche reazioni allergiche.

Tra gli esempi più frequenti di micosi cutanee si annoverano:

  • Piede d’atleta (fattore fungino: Trichophyton mentagrophyes), interessa la zona tra le dita dei piedi e si manifesta con cute arrossata e prurito con conseguente desquamazione cutanea, ispessimento della cute, formazione di vesciche, piedi maleodoranti e unghie più spesse
  • Onicomicosi (fattore fungino: Trichophyton rubrum), è la micosi alle unghie che colpisce soprattutto i piedi ed è caratterizzata dalla comparsa di macchie giallo-verdi su una o più dita che tendono a ispessirsi e a sfaldarsi
piedi micosi
piedi micosi 1

Micosi sottocutanee

Questo tipo di infezioni penetrano fin sotto la pelle fino a implicare tutto il tessuto connettivo sottocutaneo e osseo. In questo caso vi è una significativa reazione immunitaria.

Tra gli esempi più frequenti di micosi sottocutanee si annoverano:

  • Cromoblastomicosi (fattori fungini: Fonsecaea compacta, Fonsecaea pedrosoi, Cladosporium carionii, Phialophora verrucosa), interessa i tessuti sottocutanei, per cui non coinvolge le ossa, i muscoli e i tendini e si manifesta con verruche dolorose e pruriginose
  • Sporotricosi (fattore fungino: Sporothrix schenckii), penetra nei vasi linfatici e si diffonde nei vari organi del corpo umano, determinando infezioni polmonari, infezioni ossee, infezioni articolari, endoftalmiti, meningiti e sinusiti

Micosi opportunistiche

In questo caso le infezioni nascono in pazienti debilitati da altre patologie (diabete, neoplasie) o immunodepressi o portatori di dispositivi protesici impiantati o cateteri vascolari. Capita così che gli agenti infettanti sfruttino il tratto respiratorio, ma anche altre vie d'ingresso, come può essere l’apparato digerente o il sistema vascolare (ne è un esempio l’uso di aghi).

Tra gli esempi più frequenti di micosi opportunistiche si annoverano:

  • candidiasi (Candida albicans)
  • criptococcosi
  • aspergillosi
  • penicilliosi
  • zigomicosi
  • pneumocistosi

Molte micosi da agenti opportunistici possono essere sistemiche (come la candidiasi).

micosi pelle

Micosi sistemiche e/o profonde

Si tratta di infezioni che in genere avvengono a livello polmonare, ma che possono coinvolgere organi interni e la cute (micosi disseminate o sistemiche). Si in questi casi la massima reazione immunitaria.

Tra gli esempi più frequenti di micosi sistemiche si annoverano:

  • istoplasmosi (fattore fungino: Histoplasma capsulatum)
  • blastomicosi (fattore fungino: Blastomyces dermatitidis)
  • coccidioidomicosi, o febbre della valle (fattori fungini: Coccidioides immitis e Coccidioides posadasii)

Micosi cause e prevenzione

Nell’essere umano, la comparsa di una micosi può essere favorita da vari fattori:

  • uso inadeguato o prolungato di antibiotici, che distruggono la flora batterica gastrointestinale e agevolano dunque la diffusione di funghi potenzialmente patogeni
  • sistema immunitario inefficiente, in soggetti molto giovani o in soggetti molto anziani, oppure a causa di determinate patologie o di determinate condizioni morbose, come l'AIDS, o anche a cause dell’assunzione di farmaci specifici, come corticosteroidi, chemioterapici o immunosoppressori
  • diabete, una presenza anomala di glucosio nel sangue favorisce la proliferazione di alcuni funghi che popolano determinate aree anatomiche del corpo umano e che, in condizioni normali, sarebbero innocui

Ci sono poi dei fattori di rischio che possono favorire una micosi:

Nella maggior parte dei casi, le micosi si trasmettono all’uomo dall’ambiente attraverso il contatto con materiali infetti: terreno, vegetali, scaglie della pelle dell'uomo o di animali.

Ovviamente, ci sono misure di prevenzione da tenere presenti per tutti:

  • dopo essersi lavati, asciugare bene la pelle
  • mantenere una buona igiene personale
  • lavare gli indumenti sportivi dopo il loro utilizzo
  • evitare il contatto con persone o animali infetti
  • utilizzare solo asciugamani, pettini, spazzole, cuffie e copricapo personali

Ti potrebbero interessare anche:

Micosi cure naturali

Il trattamento delle micosi in genere prevede il ricorso a medicinali antimicotici, formulati sotto forma di creme, gel o polveri o da assumere per via orale.

È utile comunque e in ogni caso, rivolgersi al medico specialista (dermatologo o al ginecologo nel caso di infezioni vaginali) per avere una cura efficace e mirata.

Esistono tuttavia dei rimedi naturali con cui fare impacchi o lavaggi che possono prevenire e trattare i diversi tipi di micosi.

micosi cure

Micosi unghie e pelle

Micosi dei capelli

Micosi genitale

Germana Carillo

germinal bio

Germinal Bio

Germinal Bio contribuisce a rigenerare i boschi veneti colpiti dalla tromba d'aria

hcs320

Eivavie

Come depurare l'acqua del rubinetto con i filtri in ceramica

corsi pagamento
seguici su facebook