Ittero cure

Si indica con “ittero” (o “itterizia) quella particolare colorazione giallastra e uniforme della pelle e delle sclere degli occhi, provocata da un innalzamento dei valori ematici di bilirubina. È molto comune tra i neonati, per i quali scompare spontaneamente, ma può svilupparsi anche negli adulti in seguito a una malattia del fegato o della cistifellea. Ma quali sono i sintomi di un ittero? E ci sono conseguenze o una particolare dieta da seguire?

Si tratta in buona sostanza di una condizione che si verifica esclusivamente a causa di un eccesso di bilirubina nel sangue e l’ittero diventa visibile quando i livelli di bilirubina superano una determinata soglia.

Cos’è l’ittero

Ittero è il termine con cui si indica una modificazione del colore della pelle, degli occhi e delle mucose, che tendono ad assumere un aspetto giallastro a causa dell’aumento della bilirubina, un pigmento che si trova nella bile e che si forma per la maggior parte durante la distruzione dell'emoglobina contenuta nei globuli rossi danneggiati o che concluso il loro ciclo vitale.

Dei sintomi analoghi si possono localizzare anche al frenulo della lingua e in presenza di sub-ittero (che gli esperti considerano l'anticamera dell'ittero vero e proprio).

Le cause dell’ittero sono molteplici, ma da ricollegarsi il più delle volte alla salute del fegato. Per una corretta diagnosi si ricorre in genere a esami di laboratorio e in molti casi anche a tecniche di imaging.

L'ittero compare quando la bilirubina circolante nel sangue supera i 2-2,5 mg per 100 ml, mentre si riscontra sub-ittero quando questi valori sono solo leggermente più alti senza raggiungere questa soglia (qui trovate i valori di riferimento della bilirubina).

In genere, in relazione alla concentrazione sierica di bilirubina, l'ittero può essere lieve, medio o grave, mentre a seconda delle sfumature cutanee si parla di:

  • ittero flavinico
  • ittero rubinico
  • ittero verdinico
  • ittero melanico
ittero fegato

In più, oltre al noto ittero neonatale e all’ittero in gravidanza, si distinguono ittero ostruttivo, ittero epatocellulare e ittero emolitico, in base ai quale ci sono diverse cause che analizzeremo dopo.

Ittero sintomi

Oltre alla tipica colorazione giallastra di pelle e occhi, anche l’urina si può presentare più scura del normale, dal momento che in questi casi la bilirubina in eccesso viene espulsa attraverso i reni.

Altri comuni sintomi di ittero possono essere:

  • prurito
  • feci più chiare del normale

ed eventuali altri sintomi dipendono dalla malattia che ha provocato l’ittero come:

Chi segue un’alimentazione molto ricca di betacarotene potrebbe vedere la sua pelle ingiallirsi: in questo caso non si è assolutamente in presenza di ittero.

In genere, l’ittero si diagnostica tramite test di laboratorio e strumentali, come per esempio:

esami del sangue, tra cui quello della bilirubina
esami delle urine, per analizzare la quantità di urobilinogeno presente
esami di imaging, per analizzare le condizioni di fegato e condotti biliari
eventuale biopsia del fegato

Ittero cause e conseguenze

È chiaro, dunque, che la comprensione dell’origine di una patologia come l’ittero è da ricercarsi nella precedente conoscenza del metabolismo della bilirubina: questo pigmento deriva dal catabolismo dei globuli rossi invecchiati e viene reso idrosolubile dal fegato, che lo trasforma in bilirubina diretta per facilitarne l'eliminazione urinaria. Bisogna allora stabilire se l’ittero è dovuto all'eccesso di bilirubina diretta o indiretta, tramite analisi delle urine.

In base a ciò, si differenziano diversi tipi di ittero:

Ittero ostruttivo

Si caratterizza per un aumento dei livelli di bilirubina diretta nel sangue e indica una condizione in cui le urine risultano più scure e le feci più chiare (accompagnata anche da bradicardia e pruriti). Ciò sta a significare il fatto che il deflusso della bile verso l'intestino è impedito a causa di:

  • ostruzione dei dotti biliari, a causa per esempio della presenza di calcoli o di colangite sclerosante
  • malattie epatiche di varia origine che rendono impossibile l'escrezione di bile dal fegato

Ittero epatocellulare

È dovuto alla ridotta funzionalità delle cellule epatiche, tanto che i livelli di bilirubina indiretta aumentano. Questo quadro potrebbe essere causato da:

  • incapacità di intercettare la bilirubina indiretta per deficit di due proteine, le ligandine Y e Z, che la bloccano nell'epatocita liberandola dall'albumina (sindrome di Gilbert)
  • impossibilità di coniugare la bilirubina indiretta (è ciò che accade nell'ittero neonatale)
  • difetto congenito dell'enzima glicuroniltransferasi (sindrome di Crigler-Najjar)

Ittero emolitico

In questo caso c’è una iperproduzione di bilirubina e le urine e le feci hanno per lo più propria colorazione.
La causa di un ittero emolitico è sostanzialmente una compatta demolizione dei globuli rossi, come accede con l’anemia emolitica, una patologia che può essere causata da infezioni batteriche, malattie autoimmuni o genetiche come il favismo, iperfunzionalità della milza, anemia perniciosa, talassemie, leucemie o aumentata produzione di bilirubina.

Ittero neonatale

ittero neonato copia

Si tratta di una condizione innocua e fisiologica molto frequente nei neonati. Colpisce il 60% dei bambini e fino a 8 bambini su 10 in caso di parto prematuro. Anche in questo caso la pelle e la sclera assumono una colorazione giallastra e la causa è da ricercarsi in un eccesso di bilirubina in circolo, che eccede la capacità di smaltimento del fegato.

A ridurre il rischio di comparsa sono l’allattamento al seno nelle prime ore e nei primi giorni di vita del bimbo, così che aumenta la produzione delle feci e il latte dà quella energia necessaria per smaltire la sostanza di rifiuto.

Nella maggior parte dei casi l’ittero neonatale non è un pericolo e sparisce definitivamente in maniera del tutto naturale o con l’aiuto della fototerapia.

Ittero neonatale conseguenze

Solo in alcune rarissime eccezioni, ci possono essere complicazioni come:

  • sordità
  • paralisi cerebrale
  • altri tipi di lesione cerebrale

Ciò accade nel momento in cui c’è la malaugurata sorte che la bilirubina passi nel cervello e superi le meningi (“ittero nucleare”, perché vengono colpiti i nuclei della base dell'encefalo), provocando un danno alle zone che monitorano il movimento. Ci potrebbe essere in questo caso pericolo di vita o, nei migliori dei casi:

  • spasticità
  • disturbi del movimento
  • ritardo mentale

Potrebbero interessarti anche:

Ittero dieta

A seconda del tipo di bilirubina che ha provocato l'ittero, si differenzia la diagnosi, la terapia e la dieta. In linea di massima, potrebbe accadere che il medico consigli una dieta particolare per favorire un’accelerazione della guarigione, con un buon quantitativo di frutta e verdura fresca, cibi molto liquidi, ricchi di vitamine e selenio e senza grassi.

È inoltre utile ricordare di non mangiare cibi elaborati e di non usare sostanze che possano affaticare il fegato, come l’alcool o il fumo e anche per gli adulti può anche essere utile esporsi alla luce ultravioletta.

In genere si consiglia di:

  • evitare cibi ad alto contenuto di grassi e ad alto contenuto di carboidrati
  • limitare cibi piccanti
  • limitare l’uso di burro e formaggi grassi
  • evitare le bevande gassate e il cibo spazzatura
  • consumare succhi di frutta fatti in casa e zuppe di verdure, facili da digerire e in grado di fornire il corpo il nutrimento essenziale richiesto per accelerare il recupero

Ricordate, infine, di valutare periodicamente i livelli di bilirubina e di evitare alcol e fumo.

Germana Carillo

 

casa verde

Reale Mutua

La casa verde: pannelli solari e pozzi geotermici

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram