Meningite batterica

Meningite batterica, facciamo il punto. Gli ultimi casi clinici non spengono i riflettori su una malattia, la meningite, intorno alla quale c’è ancora tanta confusione e tanto allarmismo.

La meningite è un’infiammazione che interessa le meningi, delle membrane che rivestono il cervello e il midollo spinale. Ma come riconoscerla? E, soprattutto, quali sono le differenze tra un tipo di meningite e l’altro?

LEGGI anche: MENINGITE COS'È, CAUSE E COME RICONOSCERLA

La meningite, infatti, si suddivide in diverse forme a seconda della causa che la scatena e che può essere virale, batterica o associarsi ad altro.

Meningite virale: o “meningite asettica”, è la forma più comune e meno grave di meningite e di solito si risolve nell'arco di 7-10 giorni. Gli agenti virali i più comuni sono l'herpesvirus, l'enterovirus, il virus dell’influenza.

Meningite batterica: è più rara e molto più grave rispetto alla meningite virale perché può provocare la morte. La meningite batterica è causata da diversi agenti dei quali il più temuto è il meningococco (Neisseria meningitidis). In Italia e in Europa troviamo casi di meningite batterica causati soprattutto da meningococco B e da meningococco C.

Meningite fungina: la meningite da funghi o miceti si manifesta soprattutto in persone con deficit della risposta immunitaria e potrebbe essere letale.

LEGGI anche: MENINGITE, TUTTO QUELLO CHE DOVETE SAPERE

Meningite batterica: cos'è

La meningite batterica è un’infezione provocata da batteri quali Neisseria meningitidis (meningococco), Streptococcus pneumoniae (pneumococco) e Haemophilus influenzae tipo b (emofilo di tipo b o Hib).

La meningite da meningococco si trasmette attraverso le secrezioni o per via inalatoria. L’agente patogeno penetra nelle mucose nasali o nella faringe provocando l’infezione, ma la malattia non si ha soltanto a causa del contagio diretto del batterio da un soggetto malato, ma può essere anche provocata da batteri usualmente presenti nella mucosa. Se il soggetto ha un sistema immunitario compromesso, è più facile che il meningococco superi le difese dell’organismo e provocare la meningite.

La maggior parte dei casi di meningite meningococcica è dovuta a cinque sierogruppi del batterio - A, B, C, W135 e Y -. Ognuno di essi ha diversi livelli di pericolosità e diffusione differenti. In particolare, sono i sierogruppi A, B e C a causare fino al 90% di tutti i casi di meningite invasiva al mondo.

La meningite da pneumococco. Dopo il meningococco, lo pneumococco è una delle cause più comuni di meningite. E, oltre alla meningite, lo pneumococco può causare anche polmonite o infezioni delle prime vie respiratorie.

Di pneumococco esistono diversi sierotipi, si trasmette per via respiratoria e può trovarsi nel naso e nella bocca senza causare alcuna malattia. Le meningiti da pneumococco sono per lo più frequenti tra adulti e anziani, causano ogni anno la morte del 10% circa di coloro che si ammalano e non provocano epidemie, al contrario del meningococco.

La meningite da emofilo di tipo b. L’emofilo o Hib era fino a una ventina di anni fa la causa più comune di meningite nei bimbi fino a 5 anni, ma poi contro l'Haemophilus Influentiae di tipo B il vaccino è stato incluso nel vaccino esavalente la cui prima dose viene somministrata già a partire dal 61° giorno di vita (terzo mese). I casi di meningite causati da questo batterio si sono dunque notevolmente ridotti.

MeningococcoFoto: Neisseria meningitidis (meningococco)

Meningite batterica: i sintomi

Nei casi di meningite batterica (generalmente da meningocco), che ha un decorso rapido e acuto (per questo è anche detta “fulminante” ma si tratta del 10-20% dei casi) i sintomi più frequenti sono gli stessi delle meningiti con decorsi più moderati:

  • • mal di testa
    • febbre
    • letargia
    • irritabilità
    • nausea
    • eruzioni cutanee
  • Quelli da tenere più in considerazione sono:
    • convulsioni
    • rigidità alla nuca e all’estensione della gamba
    • sensibilità degli occhi alla luce

Se non si segue una terapia adatta, una meningite fulminante può portare anche alla morte.

LEGGI anche: MENINGITE: I SINTOMI DA NON SOTTOVALUTARE

Meningite batterica: la cura

In ogni caso, si prescrive in genere una terapia antibiotica su prescrizione medica specifica per il tipo di germe responsabile. In caso di contatto “stretto e prolungato” con qualcuno affetto da meningite, più precoce sarà il trattamento maggiori saranno le probabilità che sia efficace e che l’infezione regredisca senza gravi esiti.

Per ora la vaccinazione rimane l'unico modo per prevenire le meningiti batteriche. Per ogni famiglia dei principali batteri responsabili esistono dei vaccini:

  • per l'Haemophilus Influentiae di tipo B, il vaccino si ritrova nel vaccino esavalente la cui prima dose viene somministrata già a partire dal 61° giorno di vita (a 3 mesi)
  • per lo Pneumococco è disponibile un vaccino che protegge da 13 differenti ceppi di Pneumococco (anche questo praticabile dai primi mesi di vita)
  • per il Meningococco esiste un vaccino contro il Meningococco C, uno contro il Meningococco B e uno in grado di proteggere da 4 diversi ceppi (A, C, Y, W 135).

Germana Carillo

monge

Monge

20 cose che il tuo cane e gatto non dovrebbero mai mangiare

plt energy

PLT puregreen

I vantaggi di scegliere un operatore di energia da fonti rinnovabili

sai cosa compri
dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
seguici su facebook
manifesto
banner calendario
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram