Influenza picco

Influenza stagionale: ko più di 1 milione di italiani nella prima metà del mese di gennaio. Le temperature artiche che stanno attanagliando l’Italia hanno messo a letto dall’inizio della stagione oltre 3 milioni di connazionali. Il periodo epidemico è iniziato nell’ultima settimana del 2016, quindi in largo anticipo rispetto agli anni scorsi, quando veniva raggiunto tra fine gennaio e inizio febbraio.

Lo rende noto Coldiretti, secondo cui, sulla base dell’ultimo rapporto epidemiologico aggiornato InfluNet del 18 gennaio, sale a 2.964.000 il totale dei casi rilevati dall’inizio del periodo di sorveglianza.

LEGGI anche: L'INFLUENZA STAGIONALE NON RISPARMIA NESSUNO. PICCO PREVISTO PER FINE GENNAIO

Secondo l’associazione dei consumatori è stato dunque superato il picco stagionale e i casi risultano in leggera discesa, anche se il livello di incidenza rimane elevato e pari a 8,47 casi per mille assistiti con la fascia di età maggiormente colpita che è quella dei bambini al di sotto dei cinque anni.

In tutte le regioni, precisa la Coldiretti, è in corso il periodo epidemico anche se si osserva un’incidenza pari o superiore a 10 casi per mille assistiti in Piemonte, in Val d’Aosta, nella provincia autonoma di Trento, in Emilia-Romagna, nelle Marche, nel Lazio, in Campania, in Basilicata e in Sardegna.

Come evitare il rischio contagio?

Secondo un sondaggio on line sul sito di Coldiretti, il 60% degli italiani si difende dal rischio influenza seguendo una giusta alimentazione, il 20% evitando luoghi affollati e un altro 20% cercando di coprirsi di più.

Per rafforzare le difese immunitarie con il giusto apporto di vitamine sarebbe bene aumentare le calorie consumate (in relazione ad attività, sesso, età e necessità personali), iniziando la mattina con latte, miele o marmellata e cucinando poi soprattutto zuppe, verdure, legumi (fagioli, ceci, piselli, lenticchie, fave secche che contengono ferro e sono ricchi di fibre) e frutta. Oltre a frutta a verdura ricca di antiossidanti, nella dieta anti-gelo utile a sconfiggere l'influenza non devono mancare, secondo la Coldiretti, latte, uova e alimenti ricchi di elementi probiotici come yogurt e formaggi. Per alcuni esperti, utile sarebbe anche l'aglio, che contiene una sostanza, l'allicina, particolarmente attiva nella prevenzione.

Ricordatevi, inoltre, di mangiare tante verdure di stagione, soprattutto quelle ricche di vitamina A (spinaci, cicoria, zucca, ravanelli, zucchine, carote, broccoletti, ottimi anche cipolle e aglio possibilmente crudi per la valenza antibatterica non indifferente) perché danno il giusto quantitativo di sali minerali e vitamine antiossidanti che sono di grande aiuto per combattere le conseguenze dello stress del cambio di stagione sull'organismo.

vitamina a

LEGGI anche: FRUTTA E VERDURA DI STAGIONE: LA SPESA DI GENNAIO

Quanto alla frutta, conclude la Coldiretti, via libera alla vitamina C con kiwi, clementine e arance rigorosamente italiane.

Qui, infine, potete trovare qualche rimedio naturale contro il raffreddore e qui qualche consiglio su come abbassare la febbre.

Germana Carillo

forest bathing sm

Trentino

Forest Bathing e non solo, per guarire con la natura

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
banner orto giardino
whatsapp
seguici su instagram