Influenza 2017, il picco è superato. Ecco come evitare il contagio con la dieta anti-gelo

Influenza picco

Influenza stagionale: ko più di 1 milione di italiani nella prima metà del mese di gennaio. Le temperature artiche che stanno attanagliando l’Italia hanno messo a letto dall’inizio della stagione oltre 3 milioni di connazionali. Il periodo epidemico è iniziato nell’ultima settimana del 2016, quindi in largo anticipo rispetto agli anni scorsi, quando veniva raggiunto tra fine gennaio e inizio febbraio.

Lo rende noto Coldiretti, secondo cui, sulla base dell’ultimo rapporto epidemiologico aggiornato InfluNet del 18 gennaio, sale a 2.964.000 il totale dei casi rilevati dall’inizio del periodo di sorveglianza.

LEGGI anche: L'INFLUENZA STAGIONALE NON RISPARMIA NESSUNO. PICCO PREVISTO PER FINE GENNAIO

Secondo l’associazione dei consumatori è stato dunque superato il picco stagionale e i casi risultano in leggera discesa, anche se il livello di incidenza rimane elevato e pari a 8,47 casi per mille assistiti con la fascia di età maggiormente colpita che è quella dei bambini al di sotto dei cinque anni.

In tutte le regioni, precisa la Coldiretti, è in corso il periodo epidemico anche se si osserva un’incidenza pari o superiore a 10 casi per mille assistiti in Piemonte, in Val d’Aosta, nella provincia autonoma di Trento, in Emilia-Romagna, nelle Marche, nel Lazio, in Campania, in Basilicata e in Sardegna.

Come evitare il rischio contagio?

Secondo un sondaggio on line sul sito di Coldiretti, il 60% degli italiani si difende dal rischio influenza seguendo una giusta alimentazione, il 20% evitando luoghi affollati e un altro 20% cercando di coprirsi di più.

Per rafforzare le difese immunitarie con il giusto apporto di vitamine sarebbe bene aumentare le calorie consumate (in relazione ad attività, sesso, età e necessità personali), iniziando la mattina con latte, miele o marmellata e cucinando poi soprattutto zuppe, verdure, legumi (fagioli, ceci, piselli, lenticchie, fave secche che contengono ferro e sono ricchi di fibre) e frutta. Oltre a frutta a verdura ricca di antiossidanti, nella dieta anti-gelo utile a sconfiggere l'influenza non devono mancare, secondo la Coldiretti, latte, uova e alimenti ricchi di elementi probiotici come yogurt e formaggi. Per alcuni esperti, utile sarebbe anche l'aglio, che contiene una sostanza, l'allicina, particolarmente attiva nella prevenzione.

Ricordatevi, inoltre, di mangiare tante verdure di stagione, soprattutto quelle ricche di vitamina A (spinaci, cicoria, zucca, ravanelli, zucchine, carote, broccoletti, ottimi anche cipolle e aglio possibilmente crudi per la valenza antibatterica non indifferente) perché danno il giusto quantitativo di sali minerali e vitamine antiossidanti che sono di grande aiuto per combattere le conseguenze dello stress del cambio di stagione sull'organismo.

vitamina a

LEGGI anche: FRUTTA E VERDURA DI STAGIONE: LA SPESA DI GENNAIO

Quanto alla frutta, conclude la Coldiretti, via libera alla vitamina C con kiwi, clementine e arance rigorosamente italiane.

Qui, infine, potete trovare qualche rimedio naturale contro il raffreddore e qui qualche consiglio su come abbassare la febbre.

Germana Carillo