Rimedi omeopatici

L’omeopatia funziona o no? Secondo la statunitense Federal Trade Commission non ci sono prove scientifiche e, quindi, in mancanza test clinici che dimostrino la capacità di contrastare una malattia, i produttori americani saranno tenuti a esplicitarlo sulla confezione.

Così, l'agenzia americana garante della concorrenza con una circolare ha evidenziato come, per la stragrande maggioranza dei farmaci omeopatici, “l'efficacia si basa unicamente sulle teorie omeopatiche tradizionali” e che “non ci sono studi validi che utilizzano metodi scientifici attuali per dimostrare l'efficacia del prodotto”.

LEGGI anche: OMEOPATIA: COS'È, COME FUNZIONA. È DAVVERO EFFICACE?

Il motivo di tale decisione? Per la maggior parte dei farmaci omeopatici, le prove di efficacia si basano solo su teorie tradizionali e non ci sono studi che utilizzino il metodo scientifico tradizionale. Per cui, le affermazioni per questi prodotti potrebbero confondere e, quindi, chi produce farmaci omeopatici dovrà mostrare la loro efficacia con dei veri e propri test scientifici, come succede per gli altri, o scrivere sulle confezioni che non ci sono prove di efficacia.

Il comunicato del FTC spiega anche che l’omeopatia, che risale al 1700, “si basa sulla teoria che i sintomi della malattia possono essere trattati con dosi minime di sostanze che producono sintomi simili quando fornite in dosi più elevate nelle persone sane. Molti prodotti omeopatici sono diluiti in modo tale che non contengano dosi rilevabili della sostanza iniziale”. In più, osserva che “un’affermazione su un farmaco omeopatico potrebbe non essere ingannevole se l'etichetta comunica che non vi è alcuna prova scientifica che il prodotto funziona e che le affermazioni sull'efficacia del prodotto si basano solo sulle teorie della medicina omeopatica del 1700 che non sono accettate dalla maggior parte degli esperti di medicina moderna”.

Omeopatia

Ma hanno ragione o no, negli States, a seguire queste particolari linee guida? Vero è che la diatriba tra i sostenitori e i detrattori va avanti da decenni e forse mai si placherà. Un’analisi australiana dimostrò nel 2015 come l’omeopatia non avrebbe alcun tipo di efficacia se non semplicemente un effetto placebo. Di contro, i difensori dell’omeopatia risposero con un altro studio, condotto dai ricercatori della Harvard School of Public Health e del Beth Israel Deaconess Medical Center, che, al contrario, avrebbe rilevato come l’uso della Medicina Omeopatica comporti diversi benefici per la salute pubblica tra cui riduzione nell’uso di antibiotici inutili e dei costi per il trattamento di alcune malattie respiratorie, miglioramento nella depressione peri-menopausa e delle condizioni sanitarie in individui affetti da malattie croniche.

LEGGI anche: OMEOPATIA: FUNZIONA DAVVERO? È DI NUOVO POLEMICA

Insomma, contrasti tra gli uni e gli altri ci sono e sempre ci saranno. Vero è che sentiamo di dire che in ogni caso molte sono le persone si mostrano soddisfatte dei rimedi omeopatici utilizzati per se stessi o anche per i propri bambini.

Germana Carillo

 

monge

Monge

20 cose che il tuo cane e gatto non dovrebbero mai mangiare

plt energy

PLT puregreen

I vantaggi di scegliere un operatore di energia da fonti rinnovabili

sai cosa compri
dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
seguici su facebook
manifesto
banner calendario
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram