antibiotici allevamenti

Il problema della resistenza dei batteri agli antibiotici parte dall’abuso di questi farmaci in medicina e negli allevamenti. Purtroppo la somministrazione di antibiotici agli animali è in crescita negli allevamenti italiani, mentre dovrebbe essere limitata per arginare la diffusione dell’antibiotico-resistenza.

I batteri nel corso degli ultimi anni hanno sviluppato la capacità di essere invulnerabili ai comuni antibiotici e ciò richiede di ricorrere a farmaci sempre più potenti. In alcuni casi però i batteri super resistenti sembrano invincibili e in grado di provocare infezioni mortali nell’uomo.

Il nuovo allarme sull’abuso di antibiotici negli allevamenti arriva dal CIWF che ci fa notare che secondo l’Agenzia Europea per i Medicinali (EMA), l’Italia resta fra i più grandi consumatori di antibiotici negli allevamenti in UE e il consumo è addirittura aumentato fra il 2013 e il 2014.

In occasione della Settimana Mondiale degli Antibiotici CIWF torna a chiedere, con una petizione al Ministro Lorenzin lanciata sulla piattaforma di Change, di attuare con urgenza misure efficaci per monitorare e ridurre i consumi di antibiotici negli allevamenti.

Mentre l’allarme per l’antibiotico resistenza cresce a livello globale, il nostro Paese prosegue a passo di gambero. È ciò che emerge dall’ultimo report dell’EMA che, pur rilevando una riduzione dei consumi fra il 2010 e il 2014 del 25%, evidenzia un inquietante cambio di tendenza con un aumento dei consumi fra il 2013 e il 2014.

Alcuni antibiotici utilizzati negli allevamenti sono importantissimi strumenti salva-vita per le persone, in caso di gravi infezioni. Fra questi i fluorochinoloni e le cefalosporine di 3° e 4° generazione di cui si è rilevato un alto consumo nei nostri allevamenti. Eccezionalmente alto è l’uso della colistina, un altro importantissimo antibiotico che rappresenta l’ultima risorsa contro alcune infezioni.

Leggi anche: BATTERI SUPER RESISTENTI AGLI ANTIBIOTICI: IL NUOVO ALLARME E LA PETIZIONE AL MINISTERO DELLA SALUTE (VIDEO)

Per questo motivo sarebbe necessario limitare e regolare al meglio l’impiego e la somministrazione di antibiotici considerati dei veri e propri salvavita per l’uomo che a causa dell’abuso e della diffusione dell’antibiotico-resistenza dei batteri rischiano di diventare inefficaci.

Leggi anche: QUANTI ANTIBIOTICI CI SONO NELLA CARNE DI POLLO IN ITALIA? TUTTA LA VERITÀ IN UN’INFOGRAFICA

antibiotici allevamenti

Secondo CIWF è urgente che la ricetta elettronica per monitorare i consumi in maniera trasparente sia resa obbligatoria e che il Piano nazionale contro l’antibiotico resistenza a cui il Ministero sostiene di star lavorando, contenga una strategia e degli obiettivi chiari e obbligatori di riduzione del consumo, soprattutto degli antibiotici di ultima generazione.

Leggi anche: SUPER BATTERI: SCOPERTI NUOVI BATTERI RESISTENTI AGLI ANTIBIOTICI IN CINA

Firma qui la petizione per creare un piano nazionale sull’antibiotico-resistenza.

Se continuiamo di questo passo gli antibiotici non funzioneranno più, guardate il video.

Marta Albè

 

I CORSI CHE TI FANNO STARE BENE!

Più di 100 corsi online su Alimentazione, Benessere, Psicologia, Rimedi naturali e Animali a partire da 5€. Test, attestati e la possibilità di vederli e rivederli quante volte vuoi!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su instagram
seguici su facebook
fai la cosa giusta

Dai blog