Farmaci cannabinoidi

Cannabis terapeutica gratis in Friuli Venezia Giulia: la giunta regionale ha approvato nei giorni scorsi gli indirizzi applicativi sull’utilizzo dei medicinali a base di cannabinoidi a carico del Sistema sanitario regionale (Ssr).

La delibera non solo definisce le indicazioni terapeutiche per le cure a base di cannabis che ricadono sul Ssr, i centri autorizzati alla loro prescrizione e le modalità di redazione del piano terapeutico, ma anche tutte le indicazioni rimborsabili, come per esempio l’analgesia del dolore cronico e degli spasmi muscolari nella sclerosi multipla.

LEGGI anche: LA CANNABIS TERAPEUTICA RIDUCE L'EMICRANIA: LA CONFERMA IN UN NUOVO STUDIO

COME FUNZIONERA’ - L’inizio del trattamento potrà avvenire sia in regime ambulatoriale, sia in regime di ricovero presso i centri del Ssr individuati dalla Regione. Ma il paziente avrà anche la possibilità di proseguire il trattamento a casa, con oneri sempre a carico del Ssr, in base a una precedente prescrizione del medico specialista.

Inoltre, il medico di medicina generale, sulla base del piano terapeutico redatto dallo specialista, può prescrivere i farmaci con oneri a carico del Ssr e ci si potrà anche procurare a titolo gratuito il farmaco nelle farmacie individuate dalla Regione presso i presidi ospedalieri o le sedi delle Aziende per l’assistenza sanitaria o presso farmacie convenzionate che operano in Friuli Venezia Giulia.

La Regione, infine, promuoverà periodicamente delle iniziative di informazione per medici e farmacisti per favorire la conoscenza degli effetti della cura con farmaci cannabinoidi.

LEGGI anche: LA CANNABIS TERAPEUTICA RIDUCE L'EMICRANIA: LA CONFERMA IN UN NUOVO STUDIO

"Il via libera del Consiglio dei ministri alla legge regionale sulla cannabis terapeutica segna al tempo stesso un traguardo del Friuli Venezia Giulia e un possibile punto di partenza", ha affermato l'assessore regionale alla Salute, Maria Sandra Telesca.

Per l'assessore "uno dei problemi con cui i pazienti si confrontano e che viene segnalato dalle associazioni è la difficoltà di approvvigionamento del principio attivo. Questa legge non solo mette a carico del Servizio sanitario regionale i costi della terapia, ma permette anche di avviare le pratiche per chiedere l'autorizzazione alla coltivazione sul territorio regionale con tutti i parametri di sicurezza".

Insomma, nonostante i diversi provvedimenti e il pregiudizio ideologico che hanno limitato qui e lì nel tempo l’uso della cannabis nella farmacopea, l'accesso a questo tipo di terapie si sta facendo pian piano finalmente strada. Utili a contrastare il dolore e gli spasmi muscolari nella sclerosi multipla, ma anche la nausea dovuta alla chemioterapia o il deperimento fisico nella sindrome da Hiv, le convulsioni epilettiche o l'artrite reumatoide, ora dobbiamo solo sperare che la trafila burocratica per ottenere farmaci a base di cannabinoidi diventi via via meno costosa e più accessibile.

Germana Carillo

 

sai cosa compri
dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
seguici su facebook
festival scirarindi
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram