fibromialgia-sintomi-cause

La fibromialgia, conosciuta anche come sindrome di Atlante, è una malattia che causa dolori soprattutto di tipo muscolare. Una patologia poco nota, di non sempre semplice diagnosi e solo negli ultimi anni studiata approfonditamente dalla scienza che è ancora in ricerca delle cause scatenanti che la provocano.

Questa sindrome si è affacciata all’attenzione della medicina soprattutto nell’ultimo decennio, quando i ricercatori hanno iniziato ad identificare meglio i contorni che la caratterizzano: sintomi principali, problemi collaterali, aspetti psicologici, ecc. Si tratta di un problema che colpisce circa 1,5 milioni di persone solo in Italia, in particolare donne. Scopriamo allora di cosa si tratta…

SINTOMI

Il sintomo principale della fibriomialgia è il dolore acuto e diffuso. Ad essere colpiti sono soprattutto muscoli e tendini, in diverse parti del corpo anche se esistono delle zone particolarmente sensibili al problema come collo e base del cranio, spalle, cassa toracica, avambraccio, anca, glutei e ginocchio. Sono stati individuati in particolare alcuni punti specifici e, nel caso la maggioranza di essi sotto pressione di uno specialista risulti dolente, si può parlare di fibromialgia. Sarà cura del reumatologo fare questo semplice test per capire se ci si trova di fronte proprio a un caso di fibromialgia o no.

Leggi anche: DOLORI MUSCOLARI: RIMEDI NATURALI PER ALLEVIARE AFFATICAMENTO E INDOLENZIMENTO

punti dolorosi fibromialgia copia

A differenza di altre patologie dolorose come l’artrite, la fibriomialgia può colpire le articolazioni ma tende a non deformarle. In effetti anche facendo apposite analisi non viene riscontrato alcun tipo di infiammazione articolare.

Sintomi molto frequenti che compaiono in chi soffre di sindrome di Atlante sono poi:stanchezza, astenia, difficoltà a prender sonno o vera e propria insonnia. Comuni anche emicrania, difficoltà a concentrarsi, crampi, formicolio agli arti, secchezza delle mucose e ipersensibilità a luci e rumori. Questa situazione molto difficile da affrontare, e in alcuni casi addirittura invalidante, si ripercuote negativamente anche sulla psiche. Ecco allora che possono comparire ansia, tristezza, depressione o problemi collaterali dovuti al forte stress come la sindrome del colon irritabile.

Ci sono poi delle condizioni che peggiorano la sintomatologia, ad esempio i cambi di stagione, il clima umido, il periodo premestrurale (quando si assiste ad uno scombussolamento ormonale), in caso di eventi stressanti e altro.

Leggi anche: 20 DOLORI FISICI LEGATI AD UNO STATO EMOTIVO SPECIFICO

CAUSE

Purtroppo le cause che portano alla comparsa della fibriomialgia sono ad oggi ancora sconosciute. Probabilmente si tratta di una serie di situazioni unite insieme, ovvero in termini tecnici si parla di una malattia a genesi multifattoriale. Tra le ipotesi più accreditate ci sono alterazioni dei neurotrasmettitori, problemi ormonali, alterazioni del sonno e stress.

Quello che è certo, comunque, è che esistono dei fattori esterni scatenanti che possono far insorgere prima e in maniera più netta i sintomi tipici di questa malattia.Tra gli eventi e le situazioni più a rischio ci sono: lutti, malattie, traumi psico-fisici, periodi di grande stress e altro. Non è semplice comunque identificare esattamente cosa abbia portato alla comparsa del problema.

La ricerca scientifica è riuscita ad identificare nelle persone affette da questa patologia delle alterazioni a livello del sistema nervoso che non riesce ad interpretare al meglio le informazioni raccolte dai nervi nelle varie zone del corpo. Si assiste quindi a delle disfunzioni a livello dei neurotrasmettitori, soprattutto serotonina e noradrenalina. 

fibromialgia nervi

TRATTAMENTI

Trattare la fibriomialgia in alcuni casi può essere molto difficile. Per quanto riguarda il dolore spesso si ricorre a comuni antidolorifici che risolvono il problema sul momento non andando però a migliorare il quadro generale a lungo termine. Per l’insonnia invece si prescrivono rilassanti più o meno naturali che non sempre garantiscono l’effetto sperato dato che uno dei problemi principali di chi soffre della sindrome di Atlante è proprio un sonno disturbato. Nella terapia prescritta a chi soffre di questa sindrome non mancano mai anche gli antinfiammatori.

Si consiglia in tutti i casi di fare una moderata ma costante attività fisica, di cercare di riposare a sufficienza, eliminando il più possibile le cause scatenanti in particolare lo stress. Tra le attività consigliate benefiche per questo problema (ma non solo) c’è indubbiamente lo yoga, esistono però anche altri trattamenti alternativi che si possono sperimentare in caso di fibromialgia, li trovate qui

Leggi anche: FIBROMIALGIA: CAUSE, SINTOMI E TRATTAMENTI ALTERNATIVI

Anche una giusta alimentazione può contribuire ad alleviare il problema. Si tratta in particolare di eliminare il più possibile gli zuccheri e i carboidrati raffinati, privilegiando come sempre una dieta a base di alimenti vegetali ricchi in vitamine e sali minerali. Da moderare o meglio eliminare del tutto il caffè che può peggiorare i problemi di sonno.

Francesca Biagioli

forest bathing sm

Trentino

I migliori itinerari da fare a piedi o in bici

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
banner orto giardino
whatsapp
seguici su instagram