zika olimpiadi brasile

Olimpiadi in Brasile e virus Zika. Già, non ci avevate pensato? Le competizioni olimpiche si avranno proprio qui, in uno dei 58 Paesi maggiormente colpiti dal virus e a causa del quale sarebbero aumentate le nascite di bambini con una grave malformazione cranica detta microcefalia

Il virus Zika, dunque, preoccupa non poco e non è un caso che le autorità brasiliane abbiano deciso di distribuire agli atleti selezionati per i Giochi olimpici e paraolimpici di Rio de Janeiro un preservativo innovativo, rivestito con un particolare gel che dovrebbe essere antivirale, proprio per ridurre il rischio di contaminazione da virus Zika. Mentre, infatti, rimangono le zanzare i principali vettori dell’infezione, una persona infetta dal virus Zika può anche trasmettere il virus ad un'altra persona attraverso il sesso non protetto.

I distributori dei preservativi verranno installati nel villaggio olimpico e si tratta di condom del marchio "Dual Protect", sviluppato dalle australiane Starpharma e Ansell, rivestiti con un lubrificante che contiene un gel, VivaGel, che, secondo i produttori, è “agente antivirale in grado di disattivare virus a trasmissione sessuale virus come HIV, l'herpes o papilloma virus umano (HPV)”.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha inoltre raccomandato alle donne incinte di non partecipare ai Giochi Olimpici e Paralimpici in Brasile e agli atleti e ai visitatori di applicare più volte al giorno repellenti per zanzare e indossare indumenti, preferibilmente di colore chiaro, che coprano il corpo quanto più è possibile.

COS’È IL VIRUS ZIKA

Un virus classificato anche con il nome di Zikav o Zikv. Nel febbraio 2015 le autorità brasiliane hanno iniziato a studiare un focolaio di eruzioni cutanee che avevano colpito sei stati della regione nord-est del paese. Si trasmette dal morso delle zanzare Aedes aegypti, parenti della zanzara tigre. Si tratta di un virus simile a quello che porta la dengue e la febbre gialla. I sintomi sono febbre, dolori muscolari e alle articolazioni, eruzioni cutanee, mal di testa e congiuntivite. Ma il motivo delle preoccupazioni non sono tanto i sintomi, quanto l’associazione del virus con la microcefalia.

Germana Carillo

LEGGI anche:

frecciaIL VIRUS ZIKA ARRIVA IN EUROPA: COS’È, SINTOMI E TRATTAMENTO

frecciaVIRUS ZIKA: COSA DEVE FARE CHI VA ALL’ESTERO (E NON SOLO)

freccia10 MODI PER DIVENTARE INVISIBILI PER LE ZANZARE

forest bathing sm

Trentino

I migliori itinerari da fare a piedi o in bici

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
banner orto giardino
whatsapp
seguici su instagram