parto gas esilarante

Gravidanza: un anestetico che si inala e che renderebbe il parto una passeggiata. Esiste davvero! Avrebbe infatti un effetto analgesico, ansiolitico e pure leggermente euforizzante il gas esilarante proposto alle partorienti dal reparto di Ostetricia e ginecologia dell'Istituto clinico Città di Brescia come alternativa sicura e non invasiva all'epidurale.

Si tratta, in termini chimici, di protossido d'azoto, di un gas cioè che, miscelato al 50% con l'ossigeno, agisce sul sistema nervoso centrale e stimola la produzione di endorfine che, si sa, donano una sensazione di benessere e di rilassamento, alleviano il dolore del travaglio, favorirebbero una maggiore disinibizione e faciliterebbero anche l'espulsione del bebè.

L'effetto del gas è molto fugace dal momento che il nostro organismo non lo metabolizza. Per questa ragione le inalazioni vanno ripetute in tempi ravvicinati o al bisogno: la futura mamma, infatti, può decidere se e quando azionare la valvola che regola il fluire del gas nella mascherina posizionata su naso e bocca, tenendo sotto controllo il proprio livello di dolore autonomamente.

Gli esperti rassicurano che "non presenta effetti collaterali o rischi per mamma e bambino" e il suo utilizzo può anche essere prolungato durante il travaglio. "La partoriente rimane sveglia e vigile, non perde mai la propria mobilità e ha il controllo della propria muscolaturaspiega Michele Tarantini, responsabile del Reparto di ostetricia dell'Istituto clinico Città di Brescia - quindi può partecipare attivamente a tutte le fasi del travaglio e non perdersi nemmeno un minuto dell'esperienza di diventare madre".
Il gas esilarante negli Stati Uniti è già stato testato negli Stati Uniti e in altri ospedali in italiani. "L'aspetto più interessante del suo utilizzo - sottolinea Michele Tarantini, Responsabile del reparto di Ostetricia - è quello di essere on-demand: la partoriente può decidere quando azionare la valvola che regola il fluire del gas nella mascherina posizionata su naso e bocca. La futura mamma è quindi libera di tenere sotto controllo il proprio livello di dolore in modo autonomo e mirato".

Nessun effetto collaterale per il bambino. Secondo gli esperti di Brescia, infatti, “il protossido d'azoto è sicuro, non presenta effetti collaterali o rischi per mamma e bambino, quindi il suo utilizzo può anche essere prolungato durante tutto il travaglio”. Infine, la donna rimane sempre sveglia e vigile, e quindi "può partecipare attivamente a tutte le fasi del travaglio e non perdersi nemmeno un minuto dell'esperienza di diventare madre".

Dove si usa il gas esilarante

Il gas esilarante è già ampiamente usato da diversi anni nel Regno Unito, negli Stati Uniti e in Australia. Da qualche anno, ha fatto la sua comparsa non solo a Brescia ma anche in altri ospedali italiani, come la Clinica Mangiagalli, l’Ospedale Buzzi a Milano, l’Ospedale Careggi di Firenze, l’Ospedale Sant’Andrea di Vercelli, l’Ospedale SS. Pietro e Paolo di Borgosesia, il Santo Spirito di Casale Monferrato, il Moriggia Pelascini di Gravedona e Uniti, gli ospedali di Castelfranco Veneto e Montebelluna e il Policlinico Umberto I a Roma.

Oggi con la nuova formula in bombole al 50% di ossigeno e la somministrazione su richiesta, il gas esilarante è stato autorizzato anche negli studi dentistici.

Germana Carillo

LEGGI anche:

freccia PARTORIRE IN CASA CON LOTUS BIRTH: MAMMA PATRIZIA CI RACCONTA COME È NATO TOMMASO

freccia COME STIMOLARE LE ENDORFINE IN MODO NATURALE PER STARE MEGLIO?

freccia PARTO INDOLORE: SOLO IL 20% DELLE DONNE ITALIANE SCEGLIE L'EPIDURALE

casa verde

Reale Mutua

La casa verde: pannelli solari e pozzi geotermici

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram