Artemisia: proprietà e tutta la verità sull'erba "magica" anticancro

artemisia

L’artemisia (Artemisia annua) è una pianta erbacea appartenente alla famiglia delle Asteraceae. È originaria della Cina ed è da tempo diffusa in Italia e in Europa. L’artemisia negli ultimi anni ha attirato l’interesse della scienza per le sue proprietà medicinali.

Il nome artemisia viene fatto risalire ad Artemide, dea greca della caccia, o alla regina Artemisia, che secondo la tradizione per prima ne scoprì le proprietà terapeutiche e le divulgò. Fu Linneo, padre della classificazione moderna degli organismi viventi, a sceglierlo. In Italia molte piante della specie artemisia crescono spontanee e talvolta sono considerate infestanti.

Artemisia, proprietà e benefici

L’interesse della scienza per l’artemisia è legato soprattutto al suo contenuto di artemisinina. Nella medicina tradizionale cinese l’artemisia viene utilizzata come rimedio utile in caso di febbre e di problematiche gastrointestinali.

L’artemisia ha proprietà aperitive e digestive. A partire dall’artemisia sono stati realizzati dei farmaci per combattere la malaria. Ora il tema di maggior interesse riguarda l’artemisia e il suo contenuto di artemisinina come potenziale principio attivo anticancro.

Esistono diverse varietà di artemisia. Con l’Artemisia vulgaris, ad esempio, si prepara una tintura madre (estratto idroalcolico) che ha delle proprietà utili per intervenire con un rimedio naturale in caso di amenorrea, irregolarità mestruali, verminosi intestinale e inappetenza.

Riassumiamo le principali proprietà dell’artemisia.

  • Rimedio utile per la febbre
  • Rimedio per i problemi gastrointestinali
  • Proprietà aperitive
  • Proprietà digestive
  • Farmaci contro la malaria
  • Potenziali proprietà anticancro
  • Riduce i gonfiori addominali
  • Aiuta a prevenire il mal d'auto
  • Fluidifica il catarro
  • Calma la tosse
  • Previene le infiammazioni
  • Protegge il fegato
  • Depura il fegato
  • Calma i dolori mestruali
  • Regola il ciclo mestruale
  • Proprietà antidepressive
  • Previene i parassiti intestinali
  • Regola la pressione sanguigna
  • Abbassa la febbre
  • Favorisce la diuresi
  • Previene il diabete

Artemisia e cancro

Ve ne avevamo già parlato qualche tempo fa e più di recente, a febbraio 2015, l’Istituto Nazionale dei Tumori di Milano ha espresso il proprio parere sull’artemisia come cura anticancro, con riferimento all’Artemisia Annua e al suo contenuto di artemisinina.

L’Istituto Nazionale dei Tumori di Milano ha confermato che l’artemisinina e i suoi derivati in esperimenti in vitro hanno dimostrato un effetto tossico sulle cellule tumorali e che i farmaci che contengono tali principi attivi sono utilizzati come trattamento per la malaria. Lo stesso istituto sta valutando gli effetti di un altro principio attivo contenuto nell’artemisia - la diidroartemisinina – proprio per quanto riguarda le sue potenziali proprietà anticancro.

Leggi anche: 5 SPEZIE E 5 ERBE AROMATICHE ANTICANCRO

I risultati sono promettenti ma si tratta al momento soltanto di studi preliminari che dovranno essere approfonditi con ulteriori ricerche. In particolare l’Istituto Nazionale dei Tumori di Milano considera l’artemisinina una molecola promettente per alcune patologie ma evidenzia che al momento “non esistono studi clinici che possano darci informazioni di quello che l'Artemisia Annua e i suoi derivati producono nell'uomo, sia come tossicità sia come efficacia antineoplastica”.

Leggi anche: ARTEMISININA: LA FUTURA ARMA CONTRO IL CANCRO?

L’istituto milanese aggiunge che “non sappiamo quale sia la vera percentuale del principio attivo presente nelle differenti formulazioni di Artemisia Annua disponibili online o nelle erboristerie” e che “non esistono studi clinici validi che dimostrino l'efficacia e la sicurezza di questi preparati nell'essere umano”.

astemisia annua infiorescenza

Artemisia, erba “magica”

L’artemisia nei secoli passati era considerata un'erba magica capace di scacciare la negatività e di promuovere lo sviluppo dei poteri psichici e gli stati medianici. Secondo il libro ‘Le erbe magiche’ di Roberto La Paglia l’artemisia veniva utilizzata sotto forma di infuso per la pulizia delle sfere e degli specchi magici.

La pianta di artemisia è sotto l’influenza della dea Diana-Artemide, di Marte e della Luna. L’autore sottolinea che l’artemisia deve essere usata con precauzione perché dosi elevate possono rivelarsi tossiche.

Artemisia, dove trovarla e in quali forme

I rimedi naturali a base di artemisia si trovano in erboristeria e nei negozi online di prodotti naturali. Consultate il vostro erborista di fiducia per capire se l'artemisia è il rimedio adatto a voi sulla base dei vostri problemi di salute.

Tra i rimedi erboristici a base di Artemisia annua troviamo le tisane da preparare come infusi o decotti. Le tisane all'Artemisia annua vengono consigliate per favorire la digestione e per ridurre i gonfiori intestinali. Con l'Artemisia vulgaris invece si prepara un estratto idroalcolico utile per regolare il ciclo mestruale. Infine, esistono in vendita degli integratori naturali a base di artemisinina che vengono utilizzati in caso di malaria e di infezioni causate da parassiti.

Ecco in quali forme possiamo trovare in vendita l'artemisia.

  • Tisana di artemisia
  • Infuso di artemisia
  • Decotto di artemisia
  • Estratto idroalcolico di artemisia
  • Integratori naturali a base di artemisia
  • Tintura di artemisia
  • Artemisia in capsule

Tisana di artemisia, come prepararla

Per preparare una tisana di artemisia acquistate l'artemisia in bustine o sfusa in erboristeria. Per ottenere la tisana di artemisia si prepara un infuso con le sommità fiorite della pianta.

  • 10 gr di artemisia o 1 bustina di tisana
  • 250 ml d'acqua (1 tazza)

Per preparare la tisana di artemisia portate ad ebollizione l'acqua in un pentolino e poi versatela in una tazza insieme alla bustina di artemisia o all'artemisia sfusa. Coprite la tazza con un piattino e lasciate riposare per 10 minuti. A questo punto filtrate il liquido o semplicemente togliete la bustina e bevete la vostra tisana. Si possono bere 2 o 3 tazze di tisana di artemisia al giorno a seconda del disturbo di cui desiderate prendervi cura ma per evitare sovradosaggi vi consigliamo di chiedere al vostro erborista la dose precisa da assumere in base al vostro stato di salute.

Tisana di artemisia, benefici

La tisana di artemisia è utile soprattutto per chi soffre di problemi digestivi, di dolori mestruali e di disturbi legati alla sindrome premestruale. Bere una tisana di artemisia sotto forma di infuso può essere utile per:

  • Alleviare i dolori mestruali
  • Alleviare i disturbi della sindrome pre-mestruale
  • Favorire la digestione
  • Contro il mal di stomaco legato al ciclo mestruale 

Estratto idroalcolico di artemisia (tintura madre)

Possiamo trovare in erboristeria l’artemisia sotto forma di estratto idroalcolico. L’estratto idroalcolico di artemisia è chiamato anche tintura madre di artemisia.

L’estratto idroalcolico di artemisia è utile per:

  • Amenorrea
  • Irregolarità mestruali
  • Verminosi intestinale
  • Inappetenza
  • Parassiti intestinali

L’utilizzo dell’estratto idroalcolico di artemisia è consigliato nei disturbi acuti, dove si ottengono buoni risultati in poco tempo.

Ricordiamo che l’estratto idroalcolico di artemisia è composto da:

  • Alcol etilico puro
  • Acqua vitalizzata
  • Artemisia vulgaris parte aerea (25%)

Per conoscere dosi e modalità di assunzione dell’estratto idroalcolico di artemisia consultate il vostro erborista di fiducia.

Artemisia, controindicazioni

Prima di decidere di assumere qualsiasi preparato o rimedio naturale a base di artemisia vi consigliamo di rivolgervi al vostro erborista di fiducia dato che è necessario conoscere in quali dosi assumere l’artemisia rispetto alle proprie condizioni di salute e per evitare effetti collaterali. Dosi eccessive infatti potrebbero causare neurotossicità. Deve fare attenzione all’artemisia chi è allergico a questa pianta o ai suoi pollini.

Controindicazioni e effetti collaterali dell'artemisia:

  • Neuro-tossicità
  • Sovradosaggio
  • Allergia ai pollini 
  • Allergia all'artemisia
  • Controindicata durante l'allattamento
  • Sconsigliata in caso di ulcere
  • Sconsigliata a chi assume alcolici
  • Sconsigliata in concomitanza con terapie ormonali

Artemisia, sovradosaggio

Un sovradosaggio di artemisia può provocare:

  • Nausea
  • Vomito
  • Dissenteria
  • Danni al sistema nervoso
  • Reazioni allergiche
  • Orticaria

Proprio per via dei possibili effetti collaterali dell'artemisia ribadiamo il consiglio di rivolgervi ad un esperto di fiducia per conoscere bene le dosi di assunzione dei rimedi naturali in base al vostro stato di salute e alla problematica di cui vorreste prendervi cura ricorrendo all'artemisia.

Marta Albè

Fonte foto: Wikipedia