Infartocuore

Di crepacuore si può morire tanto quanto con un infarto. Proprio così, quella che in gergo medico si chiama “sindrome di takotsubo” o “cardiomiopatia da stress” è una vera e propria patologia, ha un tasso di mortalità simile a quello di un attacco cardiaco (5%) e colpisce soprattutto le donne.

A sostenerlo sono alcuni ricercatori dell’Istituto di Cardiologia dell’Università Cattolica - Policlinico Gemelli di Roma, che hanno collaborato a uno studio internazionale pubblicato sul New England Journal of Medicine.

Lo studio, il primo del genere a livello internazionale, ha coinvolto complessivamente 26 centri di 9 Paesi tra Europa e Stati Uniti, analizzando ben 1.750 pazienti. Scopo era quello di capire l’evoluzione clinica della malattia e valutare i risultati della terapia oggi in uso.

"La raccolta dei dati - spiega Leda Galiuto, una delle autrici dello studio - è stata eseguita dagli specialisti del Dipartimento di Cardiologia dell'Università di Zurigo. La sindrome da crepacuore colpisce soprattutto le donne (in questo studio in rapporto 9:1) e prevalentemente dopo uno stress emotivo, tipicamente un lutto (nel 30% dei casi), o fisico come un intervento chirurgico (nel 36%). Nella metà dei casi, inoltre, la sindrome di takotsubo si associa a malattia neurologica o psichiatrica, per cui si presenta spesso in associazione a disturbi psichiatrici come la depressione”.

Come si manifesta la sindrome – Il crepacuore si palesa come un infarto, con tanto di dolore al petto o affanno improvviso, e si associa ad alterazioni dell'elettrocardiogramma. Nel momento in cui ci si sottopone a una coronarografia d'urgenza, però, le coronarie risultano normali, senza stenosi (restringimento), anche se il cuore mostra un’alterazione della forma, che diventa a palloncino, a simulare appunto il vaso (tsubo) che usano i giapponesi per raccogliere i polipi (tako).

Tutto ciò porta allo stesso rischio: alla possibilità, cioè, di un shock cariogeno, una condizione nella quale il cuore non pompa sufficiente sangue all'organismo nel 12% casi e di morte nel 5% dei casi.

È per questo che nemmeno la sindrome di takotsubo va presa sottogamba, ma considerata al pari di una malattia. Come fare per prevenirla? Solite raccomandazioni: stile di vita sano, alimentazione corretta, niente fumo, attività fisica e riducete lo stress quanto più vi è possibile!

Germana Carillo

LEGGI anche:

Infarto: 20 sintomi da non sottovalutare

Infarto: per sapere se si è a rischio basterà un’analisi del sangue

Dieta mediterranea per prevenire ictus e infarti

banner guida pulizie

Scrittori di classe

Come iscrivere la tua scuola a "salvare il Pianeta”, il concorso di Conad e WWF

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
settimana riduzione rifiuti 2018
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram