Tatuaggi infezioni

Tatuaggi e piercing: è allarme infezioni. Proprio così: se avete intenzione di "abbellire" il vostro corpo, sappiate che non è una cosa da prendere con leggerezza. Informatevi e, soprattutto, valutate l'igiene degli strumenti sotto cui finirete.

Sempre più amate dai giovani, queste pratiche d'ornamento possono provocare infezioni e danni al fegato molto facilmente. Una ricerca condotta dall'Università di Tor Vergata su 2500 studenti liceali coinvolti con questionario anonimo, ha rilevato, infatti, come il 24% di essi abbia avuto complicanze infettive, mentre solo il 17% ha firmato un consenso informato e solo il 54% si è dimostrato sicuro della sterilità degli attrezzi che sono stati utilizzati.

Dai dati è emerso che troppo spesso l'esecuzione di tatuaggi e piercing avviene in locali non certificati che non rispettano nemmeno le basilari norme igieniche, oppure addirittura avviene con pratiche fai da te e con strumenti artigianali inadeguati che possono essere veicoli di trasmissione di malattie infettive, per via ematica.

Si tratta, per esempio, soprattutto di quelle prodotte dal virus dell'epatite B e C – HBV e HCV – e dal virus dell'AIDS – HIV, che possono pure portare alla morte. Inoltre, pare anche che l'inoculazione nella cute di sostanze chimiche non controllate costituisca un rischio di reazioni indesiderate di tipo tossicologico o di sensibilizzazione allergica.

"Se l'80% dei ragazzi ha affermato di essere a conoscenza dei rischi d'infezione, solo il 5% è informato correttamente sulle malattie che possono essere trasmesse - spiega la dottoressa Carla Di Stefano, autrice dell'indagine e ricercatrice all'Università di Tor Vergata. Eppure il 27% del campione ha dichiarato di avere almeno un piercing, il 20% sfoggia un tatuaggio e sono ancora di più gli 'aspiranti': il 20% degli intervistati ha dichiarato l'intenzione di farsi un piercing e il 32% di ornare la pelle con un tatuaggio".

Un problema, quello dell'infezione da HCV, su cui ha posto l'attenzione anche lo studio "Association of tattooing and hepatitis C virus infection: a multicenter case control study" pubblicato su Hepatology, dove si dimostra come l'infezione si trasmetta principalmente attraverso il riutilizzo di aghi monouso, la non sterilizzazione di materiali e il riutilizzo d'inchiostro contaminato con sangue infetto. Rischi che aumentano quando tali procedure vengono eseguite da principianti, in strutture con scarse condizioni igieniche e dove non vengono sterilizzati gli strumenti o vengono usati strumenti improvvisati.

La soluzione? C'è eccome e i ragazzi devono saperlo: meglio non rivolgersi a centri ambigui e super-economici e verificare sempre che venga utilizzato materiale monouso e correttamente sterilizzato.

Germana Carillo

LEGGI anche:

Tatuaggi: occhio all'esposizione al sole

Sei sicuro del tuo tatuaggio? L'inchiostro utilizzato mica tanto

casa verde

Reale Mutua

La casa verde: pannelli solari e pozzi geotermici

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram