cannabis-terapeutica-farmaco

La fabbrica di cannabis a scopo terapeutico partirà entro febbraio. Al via dunque il progetto pilota per la produzione nazionale di sostanze e preparazioni di origine vegetale, siglato dai Ministeri della Salute e della Difesa lo scorso settembre.

L'iniziativa è nata con l'obiettivo di garantire l'impiego sicuro di preparazioni di sostanze di origine vegetale a base di cannabis, evitando così il ricorso a prodotti non autorizzati, contraffatti o illegali. Sarà lo stabilimento farmaceutico militare di Firenze ad occuparsene.

In base all'accordo di collaborazione siglato il 18 settembre, i ministeri hanno affidato allo Stabilimento il compito di produrre 100 chilogrammi di cannabis terapeutica all'anno, pari al fabbisogno nazionale stimato.

Oggi in Italia esiste un solo medicinale a base di estratti di cannabis sativa autorizzato all'immissione in commercio e indicato come trattamento per alleviare i sintomi a pazienti adulti affetti da spasticità dovuta a sclerosi multipla. Spesso, i medici devono richiedere l'importazione di prodotti dall'estero.

Adesso gli ordini arriveranno dalle farmacie, ma saranno poi Sarà i farmacisti a preparare le dosi base al tipo di patologia a cui è destinata la cannabis.

Lo stabilimento farmaceutico militare di Firenze è una vera eccellenza italiana ed è un unicum in campo europeo, non solo con la produzione dei cosiddetti farmaci orfani o difficilmente reperibili, ma ora anche con il progetto della cannabis ad uso terapeuticoha detto il Direttore dell'Agenzia Industrie Difesa, Gian Carlo Anselmino.

A Firenze abbiano una eccellenza che è quella dello stabilimento chimico militareha commentato il Ministro Roberta Pinotti aggiungendo che da questa esperienza potranno nascere nuovi progetti: “Questo della produzione di sostanze a base di cannabis per uso farmacologico deve essere solo l’inizio”.

Ma, come ha precisato anche il Ministro della Salute a margine della decisione, non si tratta di una via libera all'autocoltivazione. "La fabbrica permetterà di produrre la cannabis da utilizzare a scopo terapeutico. “È la risposta ai pazienti con patologie gravi come Sla, sindrome di Tourette e sclerosi multipla. - ha detto Beatrice Lorenzin - Persone che necessitano dei farmaci con il principio attivo della cannabis. I farmaci costeranno meno della metà di quanto ora si spende per importare il principio attivo, circa 15 euro al grammo. La produzione nello stabilimento di Firenze abbatterà ancora di più i costi e ci garantisce la sicurezza necessaria”.

Francesca Mancuso

LEGGI anche:

Cannabis terapeutica: sì alla produzione in Italia. No all'autocoltivazione

Cannabis per uso terapeutico: il sì dell'Italia ai medicinali

Marijuana: via libera alla coltivazione "di Stato". La produrrà l'esercito

monge

Monge

10 cose da sapere prima di accogliere un cucciolo in casa

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

sai cosa compri
dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram