vaccini-influenza-ritirati

Inizia a salire la psicosi dopo che le morti sospette per il vaccino antinfluenzale salgono a 5. Le coperture vaccinali sono davvero esenti da rischi? Avviene ormai non troppo raramente che alcuni lotti di vaccini vengano ritirati in quanto potenzialmente pericolosi, questa volta è accaduto a due lotti del vaccino anti-influenzale FLUAD prodotti negli stabilimenti Novartis Vaccines and Diagnostic srl a Rosia e a Siena.

L’Aifa, l’agenzia italiana del farmaco, ha deciso di bloccare e ritirare in via cautelativa i lotti sospetti (142701 e 143301) in seguito al decesso di 3 anziani potenzialmente imputabili alla somministrazione del vaccino FLUAD. Come ha reso noto l’Aifa: ''tre eventi ad esito fatale hanno avuto esordio entro le 48 ore dalla somministrazione delle dosi dei due lotti". Subito dopo però le morti sospette sono salite a 5.

I lotti incriminati non erano venduti nelle farmacie ma si tratta di quei vaccini che vengono somministrati esclusivamente nelle strutture pubbliche o presso i medici di famiglia.

L'Istituto Superiore di Sanità si è mostrato concorde con l’Aifa al ritiro di questi vaccini e al più presto analizzerà i campioni per capire se davvero questi possano aver creato le gravi reazioni avverse che hanno procurato la morte dei 3 pazienti, due in Sicilia e uno in Molise. Non sarebbe poi stato ancora ufficializzato un quarto decesso, come riportato da La Nazione di Firenze, quello di un anziano a cui è stato somministrato il vaccino incriminato mercoledì scorso e che ieri sarebbe deceduto a Prato.

Nonostante questo, con un comunicato stampa l’Iss “raccomanda fortemente di continuare nella campagna vaccinale anti-influenzale, che ogni anno contribuisce a far superare la stagione invernale a milioni di persone, soprattutto anziani e soggetti nelle fasce di popolazione più fragili per le quali, senza vaccinazione, le complicazioni dell’infezione influenzale potrebbero essere gravi e, in molti casi, fatali”.

Per i medici, dunque, niente panico né psicosi da vaccini. Viene comunque e ugualmente da chiedersi: l'influenza è una malattia davvero così pericolosa contro la quale è necessaria una protezione? Forse per chi ha il sistema immunitario già debilitato sì, ma allora non lo sono altrettanto tutti gli altri virus parainfluenzali per i quali non ci sono vaccini e che in particolare quest'anno hanno provocato sintomatologie molto simili?

Francesca Biagioli

Leggi anche:

Influenza: arrivera' a novembre con 3 differenti virus

Influenza: la meditazione il miglior vaccino

geronimo stilton

Trocathlon

Torna il mercatino dell'usato di Decathlon che fa bene all'ambiente e al portafogli

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram